Imola. Venerdì 27 giugno alle 21 nel cortile di Palazzo Tozzoni, il clarinettista Claudio Mansutti (nella foto) si esibirà accompagnato dal Milton String Quartet, per la stagione estiva dell'Emilia Romagna Festival, con un concerto dedicato ai 130 anni della Croce Rossa imolese. Prima del concerto, dalle 19.30 alle 20.15 sarà possibile partecipare alla Passeggiata Eco Filosofica, “Ascoltare i silenzi”, a cura di Gianmaria Beccari.

La prima volta che il clarinetto venne utilizzato nella sua massima estensione, dai picchi squillanti del suono alle note più morbide e basse, fu per mano di Wolfgang Amadeus Mozart, nell'autunno del 1789. Nonostante il genio viennese venisse da due anni carichi di successi, si trovava in ristrettezze tali da dover chiedere aiuto economico agli amici. Pur con la depressione e l'imbarazzo per la sua situazione, il Quintetto in la maggiore per clarinetto non risentì minimamente del clima cupo, anzi: dalle melodie viene evocata un'atmosfera rilassata, fresca, proprio come se la Musica fosse l'ingresso di un regno opposto alla vita. Il Quintetto, chiamato da Mozart stesso “Stadler” in onore dello straordinario clarinettista Antonio Stadler, sarà eseguito da Claudio Mansutti, che si misurerà con le eccellenze passate, accompagnato dal Milton String Quartet.

Sotto il segno di Mozart si incontreranno dunque due generazioni di musicisti, da una parte Mansutti, esperto e famoso, e dall'altra il Milton, un quartetto d'archi appena balzato agli onori della cronaca come vincitore del Fischoff Chamber Music Competition, il più grande premio americano di musica da camera.