Bologna. Inferno in autostrada. Il bilancio delle vittime è di un morto e circa 70 feriti, di cui una quindicina in grave condizioni.
Erano circa le 14 di lunedì 6 agosto quando un tir che trasportava materiale infiammabile è stato coinvolto in un incidente con alcune auto all'altezza del raccordo autostradale di Casalecchio che collega l'A1 con l'A1, immediatamente il mezzo è esploso causando una reazione a catena che ha coinvolto le abitazioni vicine, il ponte della tangenziale che è in parte crollato e diverse auto di una concessionaria che sono a loro volta esplose. Un enorme squarcio si è aperto sul manto stradale nel luogo dello scoppio. Vetri e tende delle abitazioni circostanti sono state lesionate e molti detriti e schegge di vetro hanno causato ulteriori feriti. Tra i feriti, tre hanno riportato ustioni molto serie e sono stati trasferiti in centri specializzati a Cesena e a Parma. Uno di questi è un poliziotto portato in
gravi condizioni al Bufalini di Cesena. Altri due agenti della Polizia Stradale hanno riportato ustioni più lievi. Fra i feriti anche 11 carabinieri.

L'immagine che si sono trovati di fronte i soccorsi è di quelle apocalittiche, fiamme altissime, un fumo nero che è stato visto in molte parti della città, urla e grida in un contesto caratterizzato da un caldo infernale.

L'intervento dei vigili del fuoco ha permesso lo spegnimento dell'incendio che successivamente hanno anche cercato di raffreddare l'ambiente. Sul luogo sono giunte anche unità cinofili e gli operatori Usar, i soccorritori addetti alla ricerca e salvataggi in casi di questo genere.

L'autostrada chiaramente è stata chiusa in entrambi i sensi di marcia e i tempi di riapertura non saranno certo brevi.

Guarda il video dei Vigili del fuoco >>>>>