Imola. L'arrivo tempestivo di ambulanza ed automedica del 118 ci permettono di raccontare una storia a lieto fine. Il protagonista è il signor Franco Manzoni, 80 anni tra pochi giorni, dimesso nel pomeriggio dell'11 sette,mbre dal Santa Maria della Scaletta, dove era ricoverato a seguito di un arresto cardiaco che lo ha colpito il 24 agosto scorso dopo una partitella a tennis con un amico.

La tempestività del mezzo di soccorso guidato da Paolo Mercatali e Romana Galeri Liverani e l'intervento di rianimazione cardiopolmonare in loco del dottor Marco Mambelli e dell'infermiera Romina Galeotti, la corsa al Pronto soccorso e la stabilizzazione prima del ricovero in Rianimazione, dove è stato assistito dall'équipe diretta dal dottor Igor Bacchilega, il trasferimento in Terapia intensiva coronarica e in Cardiologia: ogni fase è stata importante per arrivare al lieto fine di questa storia iniziata drammaticamente.

E prima di salutare e tornare a casa, Franco ha voluto ringraziare tutti gli operatori sanitari che ha incontrato durante il suo percorso, lasciando la sua foto ricordo con la direttrice del Dea, Patrizia Cenni ed il direttore della Cardiologia, Cesare Antenucci.

Nella foto da sinistra la dottoressa Patrizia Cenni, Franco Manzoni, il dottor Cesare Antenucci