Castel del Rio. Il ministro della Pubblica Istruzione Marco Bussetti, un tecnico vicino alla Lega, ha chiesto all'Ufficio scolastico regionale dell'Emilia Romagna di avviare un'ispezione sulla “attività di conoscenza” dei bambini della scuola media del paese alidosiano al centro di una dura polemica della Lega contro la scuola e la docente di italiano che stava facendo scrivere ai ragazzi la loro personale “bottega dei desideri”. Fra questi, un alunno ha scritto: “Come facciamo a cacciare Salvini?”. L'insegnante ha chiesto di cancellarlo, ma qualche altro compagno di classe lo ha trascritto ugualmente  sul suo quaderno.

Arrivato a casa, qualcun altro ha fotografato un quaderno e lo ha postato su Facebook suscitando le ire leghiste e dello stesso ministro dell'Interno Matteo Salvini che ha dichiarato di voler vederci chiaro nella vicenda. Nonostante abbia chiarito che non si trattava di un compito in classe o a casa, il direttore dell'Ufficio regionale scolastico Stefano Versari ha deciso precauzionalmente di chiedere sull'episodio una relazione scritta pur precisando di avere la sensazione di essere davanti a una realtà che cerca l'esorbitanza.