Imola. Il Centro Interculturale Trama di Terre in via Aldrovandi 31 ospita l'incontro “Perché il DDL Pillon mette in pericolo donne e bambini/e?”, con Monica Miserocchi e Anna Chiara Stampanoni, rispettivamente avvocata e psicologa – psicoterapeuta dell'associazione “Dalla parte dei minori” di Ravenna. L'incontro si svolgerà giovedì 18 ottobre ottobre alle ore 18. A seguire, alle 20,30, presso il cinema Centrale proiezione del film “L'affido”. Una storia di violenza di Xavier Legrand.

Dopo il divorzio, Miriam e Antoine ottengono l'affido congiunto di Julien, il figlio undicenne deciso a restare con la madre. Ostaggio di un padre geloso e irascibile e scudo per una madre braccata, Julien vorrebbe proteggere la madre dalla violenza fisica e psicologia dell'ex coniuge. Invano, perché l'ossessione di Antoine è pronta a tramutarsi in furia cieca.
In collaborazione con l'Associazione “Dalla parte dei minori”. L'ingresso è a offerta libera.

Venerdì 19 ottobre inoltre si chiudono le iscrizioni per partecipare al laboratorio “Imola by night” con l'artista Valentina Medda. Il laboratorio, che è gratuito, si terrà Sabato 27 ottobre dalle 10 alle 17 presso la sede di Trama di Terre.
“Imola by Night” fa parte del progetto diffuso Cities by Night, una serie di mappe che indagano la percezione del pericolo nello spazio urbano dal punto di vista femminile.
Le mappe del progetto sono realizzate grazie al coinvolgimento di donne del luogo che, invitate ad attraversare lo spazio cittadino, ne riscrivono i confini con il corpo, dando vita a una serie di rappresentazioni soggettive del pericolo e dello spazio.

Per Imola by Night, l'artista Valentina Medda cerca 10 partecipanti donne di diverse età e provenienza che possano seguire un laboratorio finalizzato alla creazione delle mappe.
Durante questa giornata, il gruppo, verrà invitato a parlare della propria relazione con lo spazio urbano e a condividere le proprie paure, cercando di capire quali sono reali e quali percepite, e cercando di individuarne l'origine. Insieme, si parlerà di città di genere e diritto alla città, di costruzione del senso di appartenenza e di cosa significa sentirsi a casa.
Infine, ci guideremo a vicenda alla scoperta delle tante possibili Imola, sia attraverso camminate reali che attraverso il racconto di memorie e esperienze personali.
Al termine del laboratorio verrà messo tutto su carta, al fine di costruire delle mappe individuali e temporanee che serviranno all'artista per la creazione del progetto espositivo finale.
Il laboratorio sara' seguito da una mostra in data da definirsi.

Valentina Medda è un'artista interdisciplinare la cui pratica spazia dagli interventi artistici alla fotografia, il video e la performance.
E' stata Artist in Residence al BAR di Beirut, al Flux Factory di NY,  e al Centre International d'Accueil aux Récollets di Parigi. Il suo lavoro e' stato esibito a NY (PS122Gallery), Parigi (Gallery6 Mandel), Amsterdam (Beeldend Gesproken Gallery), Berlino (video kill Festival), e in numerose citta' Italiane.
Fra i premi ricevuti, una fellowship della New York Foundation for the Arts, il Tina Art Prize e, più recentemente, il mobility grant della Roberto Cimetta Fund.
Valentina attualmente vive a Bologna.

Per info e iscrizioni, entro il 19 ottobre: 054228912, 3347311570, info@tramaditerre.org

“Trame ribelli” è la rassegna di eventi organizzata da Trama di Terre iniziata sabato 13 ottobre con lo spettacolo del Cada Die Teatro “Raptus. Dal mito greco al femminicidio” andato in scena al Teatro Lolli, che prevede appuntamenti fino a dicembre.

(v.g.)