Fontanelice. I Carabinieri hanno tratto in salvo due scout che si erano persi nel bosco. È successo alle 17.55 di giovedì 1 novembre, quando la centrale operativa della Compagnia carabinieri di Imola ha ricevuto la chiamata di un giovane scout che riferiva di essersi perso assieme a un collega, durante una scampagnata in un'area boschiva adiacente a via Posseggio, organizzata da un'associazione emiliano romagnola.

Appresa la notizia, l'operatore del 112 ha allertato i carabinieri del luogo che, considerato l'orario (buio), le condizioni meteorologiche avverse (freddo e umido) e la zona, particolarmente impervia (rovi e burroni), si sono precipitati sul posto rapidamente. Due squadre di carabinieri, esperti del territorio e coordinati dal comandante della Stazione di Fontanelice, maresciallo capo Alessio Chiavacci che in quel momento era libero dal servizio, hanno rintracciato i due ragazzi, trovandoli in buona salute, un 19enne di Orvieto e un 20enne di Torino. A causa della scarsità del segnale radiotelefonico, le operazioni di soccorso si sono svolte via radio da parte della pattuglia dei carabinieri di Fontanelice e l'operatore del 112 di Imola che di tanto in tanto riusciva a ricevere le telefonate dei due dispersi.