Faenza. È nelle librerie il nuovo libro di Beppe Sangiorgi “Sotto le coperte non c'è miseria – Sesso e amore nella Romagna popolare” (Il Ponte Vecchio Editore), con un preambolo di Cristiano Cavina.

Il libro sarà presentato a Casola Valsenio nel locale gestito dalla Pro Loco in via Matteotti giovedì 8 novembre, ore 20.30, e alla Bottega Bertaccini di Faenza domenica 11 novembre, ore 17, con la partecipazione straordinaria di Maria Pia Timo.

“Sotto le coperte non c'è miseria” è una sorta di viaggio che copre tutta la Romagna tra modi di dire, proverbi, aneddoti, indovinelli e racconti (in gran parte in dialetto con traduzione in italiano) alla scoperta della sessualità sognata, mitizzata e praticata dai romagnoli di ogni tempo.

In una materia così “pruriginosa” e a prima vista scabrosa, il dialetto viene in soccorso, grazie alla sua capacità di addolcire i termini, anche i più crudi e rozzi: in Romagna le cose venivano chiamate col loro nome e sesso e amore appartenevano al ciclo naturale della vita.

Nel libro si trovano anche alcuni capitoli dedicati alla sessualità e alla schiettezza delle donne romagnole, insieme ad altri che trattano argomenti amati dai maschi romagnoli: l'esperto da bar, i patëca e la pataca, i pregi e i difetti sessuali di uomini e donne.

Un libro del quale ha scritto Cristiano Cavina nella sua introduzione: “Mi avrebbe fatto comodo come manuale nella mia arida adolescenza, in cui sentivo sempre parlare di donne ma non ne vedevo una nemmeno con il lanternino”.