Castel San Pietro (Bo). Sarà l'attore, castellano d'adozione, Ivano Marescotti a dare il via sabato 17 novembre alla rassegna di Prosa 2018-19 al Cassero Teatro Comunale. L'attore romagnolo, che spazia con successo dal teatro al cinema al piccolo schermo, presenterà il reading “La lingua neolatrina”, testo di Maurizio Garuti, produzione Patàka. Un monologo esilarante cucito su misura per le qualità attoriali di Ivano Marescotti dalla penna di Maurizio Garuti, sulle parole virali che pronunciamo compulsivamente, da “un attimino” a “piuttosto che”, da “mi fa morire” a “non me ne può fregare di meno”, da “lato B” a “tirarsela”, da “in qualche modo” a “quant'altro”, da “fare sesso” a “fare un passo indietro”, da “mi piace” a “non ci posso credere”, da “strage sfiorata” a “fake news” e altre ancora.

È come se una folla di personaggi, variamente contaminati dai conformismi dei nostri tempi, scorresse sul palcoscenico, infilando battute a ripetizione in un rosario di gag. Solo che quei personaggi, come nel migliore teatro, siamo noi. Dietro il vuoto delle parole, ognuno può leggere a suo modo il vuoto di un'epoca.

Biglietto unico: 15 euro. Abbonamento Prosa 4 spettacoli: intero 40 euro, ridotto 35 euro.
Info e prenotazioni: 0542-43273 o 335-5610895 – 377-9698434 (dopo le ore 16) o 370-3043927 (dopo le ore 18) – e-mail: spettacoli@labottegadelbuonumore.it.
Programmi su: www.labottegadelbuonumore.it; www.cspietro.it

La stagione teatrale 2018-19 al Cassero Teatro Comunale di Castel San Pietro Terme, organizzata dal Gruppo Teatrale Bottega del Buonumore con la direzione artistica di Davide Dalfiume e il patrocinio dell'Amministrazione comunale di Castel San Pietro Terme ha in cartellone 18 appuntamenti di qualità così distribuiti: 8 spettacoli più 2 repliche nella rassegna di teatro comico (che ha preso il via il 27 ottobre), 4 nella rassegna di prosa (al via il 17 novembre), un concerto (fuori abbonamento), 5 spettacoli di teatro ragazzi (il primo appuntamento domenica 11 novembre). Per gli spettacoli di teatro comico, nelle serate in abbonamento i posti sono andati da tempo tutti esauriti.