Imola. Si è conclusa con un successo senza precedenti la campagna abbonamenti della stagione di prosa al Teatro Stignani: otto spettacoli, testi contemporanei e grandi classici contemporanei. La campagna abbonamenti, cominciata il 7 ottobre con i rinnovi, ha avuto termine domenica 11 novembre.

I numeri parlano da soli: il totale complessivo degli abbonati alla stagione di prosa 2018/2019 è salito a 1839 abbonamenti, con aumento di 114 tessere rispetto alla stagione 2017/2018 (+ 7%). Si tratta di una tendenza positiva che continua nel tempo e testimonia un incremento del 18% nelle ultime due stagioni. L'incasso totale ottenuto dalla vendita degli abbonamenti e dai biglietti ha raggiunto quota 377mila euro.

“Un risultato di grande prestigio che sottolinea la valenza della crescente sinergia tra gli imolesi e la cultura, nella fattispecie rimarcata dal gradimento della programmazione di prosa stagionale del nostro Teatro Stignani – commenta Manuela Sangiorgi, sindaca di Imola con delega alla Cultura -. Gli sforzi profusi in questi anni dal direttore Rebeggiani e dalla macchina organizzativa tematica, volti alla salvaguardia della qualità della proposta artistica ed al processo di fidelizzazione del pubblico con un occhio di riguardo alle nuove generazioni, hanno alzato l'asticella alimentando nuovi stimoli per il futuro”.

Da parte sua, spiega il direttore dei teatri di Imola, Luca Rebeggiani “si tratta del numero più alto di abbonamenti sottoscritti dalla riapertura del Teatro Stignani, nel 2010. È un risultato che ci rende fieri. In questi anni abbiamo agito a vari livelli per fidelizzare il pubblico, avvicinare nuovo pubblico al teatro e proporre la prosa alle nuove generazioni. La cittadinanza esprime in questo modo un grande attaccamento al teatro della città, un rapporto che col tempo è migliorato in qualità e intensità”.

Le 17.639 presenze complessive registrate allo Stignani nella stagione di prosa 2017/2018, sono solo la punta dell'iceberg di quanto succede nei teatri di Imola. Le presenze complessive nei Teatri Stignani, Osservanza e Cortile Maggiore della Rocca Sforzesca, che in estate ospita il cinema all'aperto, nell'anno in corso hanno superato quota 70mila.