Imola. Domenica 16 dicembre si terrà nel centro storico di Imola “Accadde a Betlemme”, la XVII edizione dell'ormai tradizionale rappresentazione della Natività ad opera delle Scuole San Giovanni Bosco. Gli alunni della Scuola dell'Infanzia, Primaria e Secondaria, circa 540 in tutto, gli insegnanti e i genitori delle Scuole San Giovanni Bosco già da mesi stanno lavorando per questo evento che quest'anno ha come titolo: “Dov'è oggi per noi la speranza?” Con il regista Vittorio Possenti, genitori e amici hanno collaborato per gli arrangiamenti musicali, i costumi e l'allestimento. Questo rende evidente che “Accadde a Betlemme” è un gesto della comunità che fa e sostiene la scuola.

L'appuntamento è nel cortile di Palazzo Monsignani, dove la rappresentazione avrà inizio alle 17,30, con il momento dell'Annunciazione; poi a seguire i protagonisti muoveranno lungo un percorso che raggiungerà, alle 18, piazza Matteotti, dove verrà riascoltato l'annuncio della Nascita di Gesù.
A salire sul palco per primi saranno proprio i bambini e le bambine della scuola dell'Infanzia. “Questo evento per noi rappresenta un gesto che assume un grande valore, in primo luogo perché lo facciamo tutti insieme, con tutti i bambini dai 3 ai 13 anni e il pieno coinvolgimento di genitori ed insegnanti, che insieme con i bambini sono protagonisti dell'evento. In secondo luogo è un gesto che facciamo per noi e per tutti, a testimoniare che il lavoro quotidiano di una scuola è quello di aiutare a crescere i bambini avendo sempre chiaro l'origine della speranza, che fa sì che ogni giorno si possa ricominciare con fiducia”, spiega Tearosa Tabanelli, preside della scuola San Giovanni Bosco, collegandosi al tema di questa edizione di “Accadde a Betlemme”
.
“Sono molto lieta di presentare l'evento che rappresenta un appuntamento molto importante, che vede protagonisti i bambini, con i loro genitori e nonni insieme agli insegnanti, che si sono organizzati tutti insieme per portare questa manifestazione in piazza Matteotti, nel cuore della città” dichiara da parte sua Claudia Resta, assessore alla Scuola.

Nell'ambito della manifestazione verrà portata anche la testimonianza di un operatore di una comunità di recupero, proprio per raccontare come non debba mai venire meno la speranza di ritrovare la pienezza della vita, anche partendo da situazioni sfavorevoli.

Al termine della rappresentazione la sindaca Manuela Sangiorgi porterà il saluto della città e tutto si concluderà con la benedizione del vescovo, Tommaso Ghirelli. In caso di maltempo l'evento si svolgerà sempre alle 17,30 ma nella Chiesa di Sant'Agostino. Gli organizzatori formulano un ringraziamento particolare al Parroco di Sant'Agostino don Pasini, sempre disponibile a rispondere agli imprevisti.