Castel Guelfo. Nel consiglio comunale del 13 dicembre è stato approvato all'unanimità l'atto di indirizzo per lo scioglimento dell'Ufficio tecnico associato tra Castel Guelfo, Borgo Tossignano e Casalfiumanese.

Una richiesta fatta a più riprese, per cinque anni dal gruppo di opposizione “La Tua Castel Guelfo” che ora esulta. “Noi abbiamo sempre creduto che l'ufficio tecnico fosse indispensabile per un Comune e che non dovesse rappresentare un costo ma un presidio fondamentale, per i cittadini, per le imprese, per gli amministratori stessi – spiegano Francesco Dalto, Brigida Miranda e Veronica Musiani -. Oggi i fatti ci danno ragione. L'Ufficio tecnico associato, tra l'altro tra Comuni non confinanti (Castel Guelfo si è associato con due comuni della Valle del Santerno, Borgo Tossignano e Casalfiumanese) è fallito a dispetto di chi ci ha sempre raccontato, in consiglio comunale, la favoletta del 'tutto va bene' e 'insieme è più bello'. In questi anni Fontanelice e Mordano (che aveva aderito solo per il Suap) sono usciti dalla gestione associata mentre la giunta guelfese, imperterrita, ha deciso addirittura di conferire tutto il proprio personale al Circondario che non ha snellito le procedure ma le ha solo complicate. Adesso, e guarda caso a sei mesi dalle elezioni, la giunta si rimangia tutto portando in Consiglio un atto di indirizzo per sciogliere la gestione associata e reinternalizzare il personale. Bene, diciamo noi. E abbiamo votato a favore del provvedimento. Ma di questa maggioranza non ci fidiamo”.