Faenza. Un risultato grandioso, frutto di 15 mesi esatti di donazioni (raggiungendo un totale di 156.104,84 euro) per poter acquistare uno strumento fondamentale per effettuare interventi chirurgici a carattere non invasivo utilizzando tecnologie di ultima generazione: si tratta della nuova colonna laparoscopica “4K ultraHD Olympus” con modulo integrato per l'utilizzo intraoperatorio del verde indocianina e tecnologia innovativa, ma la cosa più bella è che questa donazione è stata fatta da tanti piccoli donatori, tutti accomunati dal “lavorare” per una nobile causa.

Martedì 11 dicembre la colonna è stata inaugurata alla presenza del sindaco di Faenza, Giovanni Malpezzi, del direttore dello Ior (che oltre a contribuire economicamente ha anche fatto da “collettore” tra tutti i donatori), Fabrizio Miserocchi, del direttore dell'Ausl Romagna, Marcello Tonini, e del direttore dell'unità operativa di Chirurgia dell'ospedale faentino, Giampaolo Ugolini.

Più specificatamente, tale strumentazione permetterà – come illustrato dal dottor Ugolini – di avere una definizione di immagine impensabile fino a pochi anni fa, grazie a un tipo di tecnologia che consente una valutazione più accurata della perfusione intestinale e una più chiara identificazione di alcune strutture anatomiche. Uno strumento tecnologico all'avanguardia, di ultima generazione, attualmente in dotazione a pochissimi centri in Italia e in Europa. E, ulteriore valore aggiunto, si tratta del frutto di tante donazioni.

(Annalaura Matatia)