Castel Guelfo (BO). C'è tempo fino alle ore 12.30 di venerdì 15 febbraio per inviare la propria candidatura (o per suggerire il nome di un'altra persona) per il Sabo Rosa 2019, il tradizionale riconoscimento ormai giunto alla sua decima edizione che, in occasione della “Festa della Donna”, viene conferito a una lavoratrice del mondo dei trasporti. Il premio consiste in un esemplare unico dell'ammortizzatore Sabo tinto di rosa e in un pranzo in onore della vincitrice.

Hanno diritto a ricevere il Sabo Rosa: autiste di camion, bus, autoscale; meccaniche, dirigenti di aziende di trasporto, dipendenti o lavoratrici autonome in ogni settore della filiera: dalla produzione alla ricambistica, passando per la logistica. Per esprimere la candidatura si può compilare in pochi minuti l'apposito form accessibile anche dalla home page del sito sabo.it. La giuria che valuterà le candidature, anche sulla base delle motivazioni indicate nel form online, sarà composta da giornalisti e, soprattutto, dalle dipendenti del main sponsor del premio: il Roberto Nuti Group, leader nei ricambi per veicoli commerciali da oltre mezzo secolo. Come per le precedenti edizioni è prevista una votazione online, che partirà da giovedì 15 febbraio sul sito robertonutinews.info, sulla base delle candidature pervenute. La cerimonia di consegna del Sabo Rosa avverrà nella sede bolognese del Gruppo, fondato nel 1962 da Roberto Nuti. A presiedere la giuria sarà Elisabetta Nuti, direttore finanziario del Gruppo.

Per ulteriori informazioni scrivere alla segreteria del Premio: redazione@rizomedia.com

Il Sabo Rosa è stato istituito nel 2010 e, finora, è stato consegnato a un'autista dei Vigili del fuoco, un'autista di pullman e a sette camioniste: una bolognese, una livornese, una modenese, una lombarda e tre provenienti dal Veneto. Chi sarà la prossima a festeggiare l'Otto marzo con il prestigioso “pezzo unico” da autista dell'anno?