Imola. L’Anpi e l’Auser siglano un patto di reciproca collaborazione che porterà a organizzare iniziative comuni. “Condividiamo il fatto che l’Antifascismo, la Resistenza e la Liberazione siano le fondamenta della Costituzione che hanno portato alla libertà e alla democrazia – spiega il presidente dell’Anpi on. Bruno Solaroli (nella foto) – e sono da ricordare in particolare in questo tempo davanti a una regressione culturale ed europea dove forze reazionarie e di destra stanno soffiando sull’intolleranza con intenti strumentali. Sono contento di questo patto con l’Auser che ha grande forza di mobilitazione sui pensionati e non solo”.

 

Da parte sua Giovanni Mascolo, presidente dell’Auser sottolinea: “Siamo nati per dare assistenza gratuita ai pensionati che ne hanno bisogno, ma aiutiamo pure giovani disabili ad andare e tornare da scuola. Nel tempo, ci siamo accorti che fra i giovani non c’è quasi mai memoria del passato che serve per crescere e nella scuola spesso non si parla di argomenti fondamentali come il nazismo e il fascismo che hanno creato tanto dolore e morti. In Italia, nella Costituzione e nella legge n 833 che istituisce il Servizio sanitario nazionale ci sono le questioni fondamentali di solidarietà, giustizia ed equità che ci hanno permesso oltre 70 anni di pace in Europa. Oltre a fare viaggi in auto per dare una mano a chi ce la chiede, fra l’altro in crescita di circa il 50% negli ultimi due anni, abbiamo l’ambizione di interessare  pure i giovani dal punto di vista culturale. Quindi il fatto che l’Anpi vada nelle scuole a ricordare la Shoah, che  ha fatto un milione di morti, sarà un arricchimento anche per l’Auser, stare vicino agli studenti fa tornare giovani. Spesso vedo tanti ragazzi reclinati sui propri cellulari senza parlarsi e scambiarsi emozioni, non pensano che le ingenti spese militari potrebbero in buona parte essere destinate alla sanità per curare meglio tutti”.

 

Dunque, i presupposti per una collaborazione proficua si sono tutti e si vedranno i primi effetti nel periodo delle iniziative per la Liberazione, per ricordare le imprese della 36esima Brigata Garibaldi e per le mostre che si faranno, ad esempio una dal 24 aprile al 5 maggio alla Galleria Risorgimento sui principi fondamentali della Costituzione.

 

(m.m.)