Carnevale di Viareggio

Il Carnevale con la C maiuscola trova la sua massima espressione a Viareggio con una edizione, la numero 146, dedicata alla Donna.

Il triplice colpo di cannone, segnale inequivocabile che inizia la festa, sparato dal mare dà, ogni volta, il via alla sfilata dei carri. Quest’anno il primo dei cinque grandi Corsi mascherati prende il via sabato 9 febbraio alle ore 16 con una cerimonia di inaugurazione e uno spettacolo piromusivale che faranno da contorno alla grande sfilata, a seguire gli altri appuntamenti domenica 17 alle ore 15, sabato 23 ore 17, domenica 3 ore 15 e martedì 5 marzo, ultimo giorno di Carnevale, si parte alle 14.50 con l’anteprima del Corso. Alle 16.30 Corso mascherato di chiusura con la proclamazione dei vincitori e gran chiusura con uno spettacolo pirotecnico.

Ancora una volta, come per magia, i giganteschi mascheroni prendono vita tra movimenti, musica e balli. Uno spettacolo sempre nuovo, entusiasmante ed affascinante, ma allo stesso tempo una tradizione artistica e culturale che Viareggio custodisce gelosamente dal 1873.

La capitale del Carnevale

Viareggio, la capitale del Carnevale, festeggia i 146 anni della sua manifestazione e lo fa in grande stile con cinque

Carnevale di Viareggio

straordinari Corsi mascherati sui viali a mare. Da sabato 9 febbraio a martedì 5 marzo 2019 la città si trasforma nella fabbrica italiana del divertimento, tra sfilate di giganti di cartapesta, feste notturne, spettacoli pirotecnici, veglioni, rassegne teatrali, appuntamenti gastronomici e grandi eventi sportivi mondiali.

Un evento internazionale che ogni anno affascina il pubblico ad ammirare i carri allegorici più grandi e famosi del mondo. Ad ogni sfilata assistono circa 200mila spettatori ammaliati dal gigantismo delle costruzioni, che hanno reso famosi i Maestri costruttori viareggini, sempre alla ricerca delle migliori soluzioni tecniche e artistiche per stupire il grande pubblico.

Un Carnevale dedicato alla donna

Carnevale di Viareggio 2019 dedicato alla Donna

Fil rouge di questa edizione è “l’universo femminile”, ovvero la celebrazione della donna e i successi conseguiti in ambito economico, politico, culturale, scientifico, sociale. Un’edizione declinata al femminile per onorare la donna e le tante donne che attraverso le proprie carriere hanno saputo mostrarsi all’altezza dei compiti a loro assegnati affermando in pieno il valore che ha nella famiglia e nella società. Donne straordinarie a cui la Fondazione Carnevale ha il piacere di consegnare il Premio intitolato alla nostra maschera femminile ufficiale, Ondina, il cui nome è ispirato dal mare che lambisce Viareggio e che fa da quinta naturale allo spettacolo del Carnevale. Numerosi gli eventi in programma dedicati alla celebrazione della donna: da mostre d’arte, ad appuntamenti musicali, a convegni e flash mob anche per sensibilizzare il pubblico sul drammatico tema della violenza sulle donne. Gli edifici storici e i palazzi delle cultura di Viareggio accoglieranno mostre con donne artiste protagoniste, mentre, con la collaborazione della giornalista Ilaria Bonuccelli, è in programma il convegno dal titolo “Sulla violenza non si scherza. Un manifesto per le donne”.

Carnevale dedicato alle Donne il programma

I Maestri costruttori

A realizzare le gioiose macchine di cartapesta sono i Maestri costruttori viareggini. Ben 23 ditte artigiane, con più di

Carnevale di Viareggio

250 professionisti della creatività impegnati nella realizzazione di veri e propri teatri viaggianti. In molti casi si tratta di figli d’arte che hanno ereditato da padri e nonni le abilità e i segreti di un mestiere unico al mondo che affonda le sue radici nella sapienza costruttiva dei maestri d’ascia e calafati dei cantieri navali della darsena di Viareggio. Alti oltre

Carnevale di Viareggio 2018

20 metri, larghi dodici, i carri sono creati per stupire il pubblico e la selezionatissima giuria che ogni anno, alla fine del Carnevale, stila la classifica di merito, decretando vincitori e vinti.

 

 

La Cittadella

Inaugurata nel 2001, la Cittadella è il complesso architettonico, unico nel suo genere in Europa, interamente dedicato alla creazione e alla conservazione del Carnevale.

La Cittadella di Viareggio

Due i Musei: uno dedicato alla storia dei carri del Carnevale e l’altro al Premio Carnevalotto, una preziosa collezione di opere d’arte di grandi firme contemporanee ispirate al Carnevale di Viareggio.

Il percorso espositivo comprende anche l’espace Gilbert in cui trovano una “seconda vita” i grandi mascheroni che, terminato il Carnevale, sono esposti per essere ammirati e “toccati” dal pubblico che può scoprire anche i segreti dei movimenti. oltre alla gigantesca ballerina di 13 metri che vinse il Carnevale 2004 e che ha girato mezzo mondo, l’espace ha spazi per le esposizioni temporanee, e a breve sarà completato con la sala per l’archivio audiovisivo e l’installazione emozionale attraverso la quale poter rivivere l’atmosfera del Corso Mascherato, tutto l’anno.

E’ in corso di realizzazione il nuovo progetto culturale della Cittadella che vede la risistemazione degli spazi espositivi e l’archivio-biblioteca, in cui poter approfondire la materia, anche da un punto di vista scientifico e della ricerca.

E’ già attiva la Carnival Lab Academy, il luogo in cui insegnare i mestieri e i saperi del Carnevale di Viareggio. Due laboratori della cartapesta e il bistrot della Cittadella completano la nuova progettualità culturale.

Progetto di copertura della Cittadella

Attenzione all’estetica, leggerezza della struttura, concept modulare adattabile a diversi contesti, indipendentemente dalle dimensioni dello spazio da coprire, bellezza e alto valore architettonico

integrato con tecnologia fotovoltaica. Sono queste le caratteristiche del progetto di copertura della Cittadella del

La Cittadella di Viareggio

Carnevale di Viareggio che un pool di imprese della nautica sta portando avanti con la partecipazione, come capofila, dello studio di architettura Archea Associati che ha realizzato opere pubbliche e private in tutto il mondo tra cui, per citare soltanto le più famose in toscana, le Cantine

Antinori nello straordinario contesto vinicolocollinare del Chianti, a metà strada tra il capoluogo e Siena e la riqualificazione del Mercato Centrale di San Lorenzo a Firenze.

L’omaggio a Jovanotti

Carnevale di Viareggio, omaggio a Jovanotti

La fondazione Carnevale e il Comune di Viareggio hanno deciso di rendere omaggio al grande artista che ha scelto proprio la città di Viareggio e la sua Spiaggia del Muraglione per una delle date e per il gran finale del Jova beach Party. Una manifestazione unica, che porta in scena l’esperienza collettiva di una giornata di mare musica e divertimento, e che diventa il centro dell’estate 2019. Un carro fuori concorso sfilerà come primo di fila nella parata dei cinque corsi e porterà in scena il 9/17/23 febbraio e ancora il 3 e il 5 di marzo la musica di Jovanotti. Una pedana, una consolle, un DeeJay per ogni corso diverso e la musica di Lorenzo saranno quindi l’apertura del Carnevale 2019.

La presidente Marialina Marcucci: “Jovanotti ha sempre mostrato grande attenzione per il Carnevale e già nel passato ha voluto collaborare con i nostri artisti. Non appena annunciata l’iniziativa del Jova Beach Party, lo slancio della nostra comunità è stato immediato e affidare l’apertura del corso alla sua musica ci è parso del tutto naturale”.

A Carla Fracci il premio Ondina

Alla grande étoile Carla Fracci il Premio Ondina 2019. Il riconoscimento è intitolato a Ondina, la

Carnevale di Viareggio, premio Ondina a Carla Fracci

maschera femminile ufficiale, il cui nome è ispirato dal mare che lambisce Viareggio e che fa da quinta naturale allo spettacolo del Carnevale. Un Premio alla sua personalità e un riconoscimento per aver saputo emozionare con il suo talento, il suo virtuosismo, la sua intelligenza milioni di persone in tutto il mondo. Carla Fracci sarà ospite d’onore della

cerimonia di inaugurazione, che precede la prima sfilata dei carri allegorici, sabato 9 febbraio.

Il Premio Ondina è intitolato alla maschera femminile simbolo della manifestazione e rappresenta il riconoscimento della Città di Viareggio e della Fondazione Carnevale a donne straordinarie. Nell’Albo d’Oro del Carnevale di Viareggio il Premio è stato assegnato a grandi personaggi femminili come Franca Rame, Stefania Sandrelli, Gina Lollobrigida, Sandra Mondani, Katia Ricciarelli, Dionne Warwick e Vladimir Luxuria.

 

Il veglione di apertura

Il primo evento del Carnevale di Viareggio 2019 è il Gran Veglione di apertura in programma venerdì 8 febbraio, vigilia della prima sfilata. “Chiacchiere e bollicine” è il titolo della serata di spettacolo organizzata da Farmindustria, in collaborazione con la Fondazione Carnevale in favore dell’associazione di pubblica assistenza e salvamento “Croce Verde Viareggio”. Una realtà storica che dal 1889 offre assistenza sanitaria sul territorio grazie ai molti volontari e medici che con l’ausilio di ambulanze intervengono laddove richiesto dalla popolazione. Il ricavato della serata verrà usato dall’Associazione per acquistare un’autoambulanza e proseguire così il grande lavoro che svolge quotidianamente per i più bisognosi.

Carnevale e Solidarietà

Ogni sfilata è dedicata ad una associazione. Si inizia il 9 febbraio con l’Aido, Associazione italiana per la donazione di organi, tessuti e cellule. Il 17 febbraio all’Avis. Il 23 febbraio è la volta di Emergency. Il 3 marzo a Salvamamme e il 5 marzo all’Osservatorio nazionale sul bullismo e doping.

Il torneo di Viareggio

Il Torneo di Viareggio

Non si arriva per caso a 71 (settantuno) edizioni di un torneo giovanile mondiale, la Coppa Carnevale-Viareggio Cup: una manifestazione nata negli anni immediatamente successivi alla Seconda guerra mondiale, che ha superato il traguardo di fine secolo, arrivando fino ad oggi mostrando qualche ruga ma conservando l’entusiasmo, la vitalità e lo spirito di sacrificio che animava i pionieri del Cgc Viareggio, la società organizzatrice. Un torneo-laboratorio che nel corso degli anni è stata anche la culla di molti giocatori diventati campioni (da Zoff a Scirea, da Trapattoni a Bettega, da Oriali a Antognoni, da Batistuta a Del Piero), ricordati in tutto il mondo internazionale del pallone.

Innovazione nel segno della tradizione: è uno dei ‘mantra’ che fanno (e faranno) da stella cometa alla manifestazione anche quest’anno (11-27 marzo), senza dimenticare che l’edizione numero 71 avrà anche una sorellina, perché di pari passo al torneo maschile ci sarà spazio per il torneo femminile, una manifestazione sperimentale, che si porta dietro anche in questo caso l’imprinting della tradizione, visto che allo stadio dei Pini di Viareggio, cinquanta anni fa (e spiccioli) la Nazionale italiana ha disputato la sua prima partita ufficiale. Un torneo a cinque cerchi perché anche quest’anno tutti i continenti saranno rappresentati: non mancheranno squadre-sorprese, accanto ai giovani che fanno parte dell’élite del calcio nazionale e europea: una grande festa – appuntamento del calcio giovanile, chiamata a dimostrare che la Viareggio Cup-Coppa Carnevale ha un suolo ruolo specifico nell’universo mondiale del pallone.

Ed è in mezzo ai giovani che la Viareggio Cup – che riparte con l’Inter campione in carica – è pronta a vivere altre giornate emozionanti, nel segno del pallone e della passione, quest’ultima l’ingrediente fondamentale per centrare qualsiasi obiettivo.

Il programma completo >>>>