Imola. E’ stato attivato anche in città il progetto “Gita sicura”, promosso da qualche anno a livello nazionale dall’Anav (Associazione Nazionale Autotrasporto Viaggiatori), per garantire la sicurezza dei viaggi di istruzione. L’Amministrazione comunale, infatti, si rende disponibile attraverso la Polizia Municipale, ai controlli, allo scopo di contribuire alla sicurezza della circolazione degli studenti, dalle primarie alle superiori, che partono in gita scolastica.

“Perché la gita resti indimenticabile per i luoghi visitati e non per problemi, durante il transito, è opportuno porre particolare attenzione alle iniziative dirette ad accrescere i livelli di sicurezza stradale, durante il tragitto, ma anche nella fase della sua organizzazione e in particolare in quello della verifica dell’idoneità e condotta di guida del conducente, nonché dell’idoneità del veicolo. Un’iniziativa quindi che permetta di evitare incidenti ai nostri ragazzi, oltre che utile a mettere in evidenza l’affidabilità delle diverse società di trasporto collettivo di persone con autobus” spiega Andrea Longhi, assessore alla Legalità e Sicurezza con delega alla Polizia Municipale. Su richiesta delle scuole pubbliche e private, dalle primarie alle superiori, viene effettuato un controllo da parte del Comando della Polizia Municipale, sullo stato di efficienza dei veicoli, attraverso la verifica delle revisioni degli stessi, la regolarità dei documenti di circolazione e degli autisti e le condizioni psico-fisiche dei conducenti sottoponendoli ai test etilometrici.

 

La procedura dei controlli da parte della Polizia Municipale prevede due momenti operativi: in un primo tempo, i controlli burocratici preliminari se la scuola e l’azienda di autotrasporto passeggeri anticipano i documenti cartacei da visionare (revisioni mezzo, assicurazione, ecc.); in un secondo tempo, il giorno della partenza, saranno effettuati controlli e verifiche sul luogo della partenza, sia sul mezzo sia sul conducente.

 

“La Polizia municipale dovrà verificare l’idoneità alla guida del conducente tramite il possesso della patente di guida categoria D e della Carta di Qualificazione del Conducente per il trasporto di persone, in corso di validità, nonché la dichiarazione, rilasciata dal legale rappresentante dell’impresa, che attesta la tipologia e la regolarità del rapporto di lavoro. Gli agenti della Polizia Municipale controlleranno, oltre al resto, che il veicolo sia in regola con la revisione annuale, l’usura dei pneumatici e l’efficienza dei dispositivi visivi di illuminazione” aggiunge l’assessore Longhi. Ovviamente il tutto si svolge in maniera accurata e in tempi rapidi, garantendo che il viaggio sia vissuto da tutti (alunni, familiari e docenti) in modo sereno.

Per attivare il servizio, che è gratuito, le scuole possono scrivere a pm@comune.imola.bo.it indicando giorno, ora e luogo della partenza; nominativo e recapito telefonico del referente per la scuola; preventivo ditta noleggio con conducente scelta per la gita. La richiesta deve pervenire entro 15 giorni dalla partenza.

 

Cosa devono sapere anche gli insegnanti – “Per quanto riguarda gli insegnati, è opportuno che sappiano che il conducente di un autobus deve rispettare il periodo di guida giornaliero e che la velocità tenuta deve sempre essere adeguata alle caratteristiche e condizioni della strada, nonché entro i limiti prescritti dalla segnaletica e imposti agli autobus, cioè 80 km fuori del centro abitato e 100 km in autostrada. Se l’autobus è dotato di sistemi di ritenuta-cinture di sicurezza i passeggeri dovranno utilizzarli e il mancato uso, trattandosi di minori, addossa in capo al conducente la responsabilità sulla sorveglianza” conclude Longhi.