Imola. È stata completata in questi ultimi giorni una parte dell’intervento di restauro nel complesso conventuale dell’Osservanza. E’ infatti funzionante il nuovo impianto di riscaldamento nel Santuario della Beata Vergine delle Grazie, che consentirà anche nella stagione fredda la frequentazione del luogo di culto, la celebrazione quotidiana della santa Messa alle 18 e di altre funzioni, senza disagi per i fedeli.

 

È invece al momento ancora in corso la parte dell’intervento che riguarda il primo chiostro del convento (quello più antico), nel quale si sta provvedendo al rifacimento degli intonaci, alla tinteggiatura globale e all’impianto di illuminazione sia del chiostro sia delle lunette affrescate.

 

L’intero intervento è finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Imola con un contributo per il triennio 2018-2020, di 140mila euro, che coprirà anche il prossimo restauro del gruppo scultoreo “Compianto sul Cristo morto”, più comunemente conosciuto come “I Piagnoni”, composto di sette statue a grandezza naturale che si trovano nella cappella affacciata sul giardino esterno.

 

Prosegue intanto l’attività del Comitato RestaurOsservanza per la raccolta fondi destinati alla Onlus per portare avanti l’opera di restauro più complessivo.

 

Ricordiamo in modo particolare il concerto di beneficenza Da Beethoveen a Serasate, sonate e zingaresche per violino e pianoforte, offerto dal Gruppo Isaf in collaborazione con l’Accademia Pianistica Internazionale di Imola, con il supporto dell’autodromo “Enzo e Dino Ferrari” e del contributo di MarsigliLab, Imola Assicurazioni, Allestimenti e Pubblicità.

 

E’ in programma il 28 febbraio alle 20 nella Sala polivalente–Media center dell’autodromo Enzo e Dino Ferrari e costituirà uno dei momenti clou della raccolta fondi. Ricordiamo che ad oggi sono stati raccolti circa 85mila euro e che ne servono altrettanti per portare a termine il primo stralcio dei lavori.