Museo Torricelliano

Faenza. Presentate le iniziative della Società Torricelliana di Scienze e Lettere di Faenza. Fondata nel lontano 1947, l’Accademia ha sede a Palazzo Laderchi, antistante al Museo del Risorgimento.

Sia in passato che oggigiorno questa associazione costituisce un validissimo strumento di aggregazione di eccellenze faentine, un luogo “culturalmente resistente”, nonchè un ente con lo scopo di esaminare fenomeni antropici, sociologici, culturali e naturalistici della zona faentina, ed è presieduta dal prof. Alessandro Montevecchi.

Durante l’incontro è stato ricordato il Bollettino 2018 incentrato sulla figura del musicista faentino Lamberto Caffarelli, in occasione del 50esimo anniversario della morte, mentre altre due pubblicazioni hanno riguardato il resoconto del convegno sui cambiamenti climatici (con una relazione effettuata dal professore, fisico e climatologo emiliano Franco Prodi) e la vita del pittore faentino Vincenzo Valdrè (con una ricerca ad opera del nipote Ugo Valdrè).

Assieme alle ricerche sopraelencate, sono state rese pubbliche altre ricerche dei soci dell’Accademia, e sono stati commemorati i soci scomparsi lo scorso anno (tra cui la professoressa Angela Donati, docente di Epigrafia presso l’Università di Bologna).

Per quanto riguarda il 2019 invece è prevista la realizzazione di 3 lezioni seminariali “a porte chiuse” nella sede dell’Accademia stessa, oltre alla creazione di un percorso storico culturale (aperto al pubblico) trattante l’esposizione del 1908 a Faenza, con opere artistiche e strumenti (per lo più scientifici) dell’epoca.

(Annalaura Matatia)