Gabrio Salieri

Imola. Cambio della guardia ai vertici dell’Anpi. L’on. Bruno Solaroli ha deciso di lasciare la carica di presidente per l’avanzare dell’età e il comitato direttivo, all’unanimità, ha nominato Gabrio Salieri, figlio di Alfiero recentemente scomparso, e di Livia Morini, che furono entrambi partigiani.

Non si è trattato di una novità, infatti l’on. Bruno Solaroli da tempo aveva annunciato l’intenzione di lasciare la carica, senza alcuna ragione di carattere politico o altro, ma per favorire un avvicendamento che metta in campo protagonisti più giovani in un momento difficile per il Paese, che tuttavia vede l’Anpi del territorio imolese in buona salute. Infatti il tesseramento sta andando bene, con la presenza di parecchi reclutati e le numerose iniziative vedono grande interesse e partecipazione.

Fin da giovane, Gabrio Salieri si è sempre è impegnato nell’Anpi con passione, competenza ed equilibrio, dimostrati nel lavoro collegiale del gruppo di dirigenti e di militanti che operano nell’associazione.

I presenti, oltre a congratularsi, hanno formulato gli auguri di buon lavoro al nuovo presidente e soprattutto hanno ribadito il massimo impegno a collaborare ed operare perché l’Anpi continui ad essere importante mezzo capace di fare memoria, difendere e tramandare i valori democratici nati dalla Resistenza e scritti nella Costituzione, di operare al meglio in questo momento difficile in cui purtroppo riprendono forza movimenti neofascisti, qualunquisti ed antidemocratici.

Tutti hanno ringraziato l’on. Bruno Solaroli per l’impegno di questi anni, con il quale egli ha fatto crescere molto l’associazione, radicandola sempre più nel territorio ed organizzando eventi di qualità ed apprezzati dalla cittadinanza; all’unanimità i presenti l’hanno eletto presidente onorario; del resto Solaroli ha garantito la continuazione di un impegno, sia pure in altre vesti, per il bene dell’Anpi e della comunità di Imola.