Le maschere vincitrici sul palco con il vicesindaco Patrik Cavina

Imola. Sono stati 69 i bambini e le bambine, da 1 anno fino agli 11 anni, che martedì grasso hanno partecipato al Concorso delle maschere, organizzato dal Comune nell’ambito del “Carnevale al Centro – la Festa dei bambini e dei ragazzi”, che ha concluso la tre giorni del Carnevale dei fantaveicoli. Una partecipazione altissima (l’anno scorso sono stati 40 i partecipanti al concorso), che ha visto piazza Matteotti riempirsi per tutto il pomeriggio di intere famiglie, con protagonisti proprio i bambini mascherati. “Soddisfazione per il successo del nuovo Carnevale al Centro – la Festa dei bambini e dei ragazzi” è stata espressa dal vicesindaco Patrik Cavina, che ha premiato i vincitori del concorso della “Maschera più creativa”.

A vincere il Concorso “Maschera più creativa” che ha visto premiati i tre costumi più ingegnosi, creativi e realizzati in proprio con materiale di recupero sono stati Gregorio Gabusi, Michele Bottau e Petar Baric, tre compagni di classe di 10 anni, con “L’aereo senza meta”. La giuria ha assegnato loro il primo premio “per l’originalità, l’ironia, la precisione nei dettagli e l’uso dei materiali”.

Al secondo posto si è classificata Simona Boi, di 9 anni, vestita da “Madame Jornel”, con la motivazione “per la bellezza dell’insieme, l’armonia e l’eleganza del risultato finale”. Al terzo posto Federico e Chiara Fuzzi, di 7 e 9 anni, con il costume “La foresta incantata”, con la motivazione “Per il lavoro di gruppo, l’utlizzo di materiali riciclati e la simpatia”.

Ai primi tre classificati sono andati rispettivamente 150 euro, 100 euro e 50 euro tutti in buoni acquisto alla Coop Alleanza 3.0, torte e dolci offerte da Opera Dulcis e una targa in ceramica offerto dalla Coop Ceramica di Imola.

La giuria ha poi assegnato 5 premi speciali, riconoscendo proprio l’impegno nell’utilizzare materiali di riciclo e per la creatività nel confezionare i costumi. I premi sono andati a Paolo Righini, di 7 anni, per il costume “Mio nonno in carriola”, con la motivazione “per la simpatia dell’idea e la simpatia”; a Kiss Adi Adorzan, 6 anni, con il costume “Transformer poliziotto”, con la motivazione “per l’utilizzo dei materiali, i colori e la fantasia”; a Filippo Guerrini, di 1 anno, vestito da “poliziotto con i baffi”, premiato per la “simpatia e la tenerezza”; a Laura Venturi, di 4 anni, vestita da ‘Gufo rosso’, premiata per “le stoffe, i colori, la sartoria”; infine a Mattia Zappi, di 8 anni, vestita da ‘scienziato pazzo”, premiata “per l’ironia, la creatività e l’idea”.

Il pomeriggio, che si è svolto in collaborazione con Radio Bruno, ha previsto anche animazione, balli con le sigle dei cartoni animati e giochi con i Radiotubbies. Sfrappole e zucchero filato sono stati distribuiti dall’Associazione “Insieme per un futuro migliore” – Progetto bimbi di Chernobyl. La distribuzione di palloncini sagomati, la possibilità di truccarsi allo spazio “trucca bimbi” e di utilizzare i giochi gonfiabili, disponibili gratuitamente, hanno reso ancor più di festa questo pomeriggio.