Bologna. Giovedì 14 marzo 2019, si è riunita la Commissione Tecnica per un’analisi dei dati emersi nel questionario sulla sperimentazione dei nuovi orari di lavoro.

Il questionario ha avuto un’adesione di 769 Lavoratori (sugli 851 coinvolti nella sperimentazione), pari cioè al 90% 501 lavoratori appartengono alla fascia professionale fino al 6° liv. mentre 268 sono i 7° liv. e Quadri.

In termini di genere il 20% sono donne e l’80% sono uomini; per quanto riguarda le fasce di età il 53% ha meno di 45 anni, il 47% dai 46 anni in su.

Altri dati molto importanti:

– il 93% ritiene che il nuovo orario di lavoro ha consentito una migliore gestione degli impegni personali.

– l’89% dichiara di riuscire a organizzarsi e coordinarsi efficacemente con il proprio responsabile – e con i propri colleghi – anche dopo l’adesione al nuovo orario;

– il 93% consiglierebbe il nuovo orario ad un collega;

– il 95% valuta positivamente il nuovo orario;

– il 97 % confermerebbe la sua adesione in via definitiva al nuovo orario.

Fim-Fiom-Uilm Territoriali ed i Delegati Fim-Fiom-Uilm, prendono atto con grande soddisfazione del risultato ottenuto, che conferma una volta di più la giustezza di una scelta innovativa legata alla modalità di conciliazione tra il tempo personale e i tempi di lavoro, a beneficio del lavoratore.

Tutto questo all’interno di un Contratto Aziendale che ha avuto il coraggio di concordare forti elementi di innovazione anche su tanti altri temi: un Contratto Aziendale che ha guardato al futuro.

Tornando al tema dei nuovi orari, la Commissione Tecnica si riunirà nuovamente per definire in tempibrevi le modalità che consentano di aprire all’adesione per tutti quegli ulteriori lavoratori che intendono farlo.

Fim- Fiom- Uilm di Bologna e  relativii delegati ritengono utile consolidare ed estendere la sperimentazione sui nuovi orari il prima possibile, come previsto dal contratto, e nel modo migliore.

 

 

(delegate e delegati Fim Fiom Uilm)