Imola. Lo stato di salute dell’acqua del Santerno sarà monitorato dalle scuole imolesi sotto l’attenta regia dell’associazione GeoL@b.

Tra mercoledi 20 e lunedi 25 marzo, 360 studenti appartenenti alle scuole medie di Castel del Rio, Fontanelice, Casalfiumanese, Borgo Tossignano, Castel Guelfo ed agli Istituti di istruzione superiore Alberghetti e Ghini con il ruolo di Tutor, svolgeranno analisi chimiche e microbiologiche delle acque del Fiume.

L’attività, avviata nel 1999, giunge al ventunesimo appuntamento. Per l’occasione una importante novità è la collaborazione avviata con il Parco della Vena del Gesso. Gli studenti che si recheranno a Borgo Tossignano, avranno a disposizione la Casa del Fiume che ritorna cosi alla funzione originaria di Polo ambientale. Le uscite coincidono con l’avvio della nuova gestione della struttura.

GeoL@b onlus, nel contesto della attività di studio sui bacini idrorografici romagnoli, che sviluppa a livello interregionale, con la Regione Emilia-Romagna e il dipartimento di Scienze agrarie dell’università di Bologna, ha realizzato la mappa del bacino Idrografico del Santerno con evidenziata la localizzazione della “Casa del Fiume”, polo di riferimento ideale per attività didattiche e di ricerca sui Servizi ecosistemici che il corpo idrico può offrire alle comunità che si trovano lungo il proprio percorso. La mappa sarà a disposizione, fino ad esaurimento presso la Casa del Fiume, via Rineggio 22.