Faenza. Si chiama “Settimana della cultura scientifica e tecnologica”, ma in realtà si articola in una serie di numerosi eventi collaterali che si protrarranno fino agli ultimi giorni del mese di maggio a partire dal 2 aprile.

Un’iniziativa, giunta quest’anno alla sua diciannovesima edizione, che ha come focus quello di promuovere la cultura della scienza e quindi del progresso a 360°, coinvolgendo anche gli alunni di scuole come il Liceo “Torricelli – Ballardini” di Faenza (come pubblico partecipante) in conferenze, convegni e incontri su argomenti quali le neuroscienze, le tecnologie, la medicina avanzata per la diagnostica e via dicendo; si parlerà inoltre di elementi chimici, di Big Bang, di astronomia piuttosto che di Mendeleev.

Durante questo mese e mezzo dedicato alla scienza, numerosi sono gli eventi in programma; oltre alle conferenze e agli incontri infatti si potrà visitare la Casa museo di Raffaele Bendandi, il Molino Naldoni, il Museo Torricelliano e molto altro. Sia grandi che piccini potranno partecipare a numerosi laboratori pratici o teorici volti ad approfondire argomenti, quali “Scopriamo la luna – come rendere giocoso il Museo” (presso il Palazzo delle Esposizioni domenica 5 maggio dalle 10 alle 12) e molti altri.

Per il (vasto) calendario eventi dettagliato consultare il sito www.palestradellascienza.it.

(Annalaura Matatia)