Faenza. E’stato presentato poco più di due mesi fa e attualmente sta raccogliendo consensi ovunque esso venga presentato. Il progetto artistico “Eros ha scosso la mia mente” è giunto alla sua terza tappa, più precisamente a Reggio Emilia in occasione della mostra di Fotografia europea, che inaugurerà ufficialmente il 12 aprile, ore 19, nei chiostri di San Pietro (dove rimarrà fino al 19 maggio prossimo).

Un progetto fotografico sull’amore in tutte le sue molteplici sfaccettature e forme, che rompe definitivamente con schemi, preconcetti e pregiudizi ormai antichi e stereotipati; un’ iniziativa ideata da “Collettivo Arte Nomade” (dalle sue curatrici, la faentina Veronica Bassani e Silvia Calderoni), che coinvolge i fotografi Isabella Goni, Martina Mozzillo e Luca Zaccarini , e la videomaker Viviella Costantino, che documenterà le diverse storie, i momenti di backstage e le interviste, che verranno poi presentati al termine del percorso, a dicembre 2020, a Faenza nella Galleria d’arte della Molinella a Faenza.

(Annalaura Matatia)