Faenza. Tanti appuntamento per il “Maggio faentino” giunto alla seconda edizione. Un mese “caldo” per Faenza e dintorni, costellato di moltissimi eventi e appuntamenti che fanno da preludio a una bella stagione ricca di cose da fare.

Patrocinato dall’Unione Romagna Faentina e supportato dal Comune di Faenza, “Maggio faentino” si pone l’obiettivo di dare una visione di insieme all’offerta culturale e turistica del territorio, raccontando il buon vivere e l’ospitalità della Romagna Faentina.

Si comincia con BorgoIndie (tra Faenza e Brisighella) il 4 e il 5 maggio: un festival dedicato alle produzioni agricole e culturali indipendenti, con una mostra del pittore brisighellese Mattia Moreni. Il 4 maggio gli eventi avranno luogo nel Chiostro della Commenda (Borgo Durbecco) a Faenza e il 5 maggio nel chiostro del Convento dell’Osservanza a Brisighella. Appuntamenti, questi, legati alle produzione agricole e culturali indipendenti, che includono un mercato di vignaioli e prodotti agroalimentari indipendenti. Saranno due le cene conclusive dell’appuntamento, sia a Faenza che a Brisighella.

Il secondo evento sarà “La musica nelle aie”, il popolare festival folk musicale che si terrà a Castel Raniero dal 9 al 12 maggio. Rassegna rivolta agli amanti della musica, della natura e del vino, “La musica nelle aie” ha una portata nazionale raggiunta in pochi anni, ed è diventato un appuntamento imperdibile per gli amanti del genere. All’interno della manifestazione è previsto un concorso musicale di autori e interpreti.

Nel fine settimana successivo si terranno invece i due eventi centrali: “Distretto a weekend” e “Buongiorno Ceramica!“. Il primo evento, una tre giorni dedicata al buon cibo, al buon bere e al buon vivere, si articola tra il 17 e il 19 maggio nel quartiere artistico faentino, coinvolgendo 43 ristoratori della zona e non, incentivando il green e il biocompatibile in tutti i suoi aspetti, nonchè la gentilezza e il rispetto (“Grazie, Prego” è il titolo di questa edizione 2019), mentre il secondo evento si terrà tra il 18 e il 19 maggio, e prevede performance di tornianti e gli immancabili mercato e aperitivo del ceramista, dove verranno venduti bicchieri in ceramica con i quali sorseggiare i vini del territorio.

Infine, a chiudere il “Maggio faentino” sarà la 100 km del Passatore il 25 e il 26 maggio. Giunta alla 47esima edizione, la Firenze-Faenza sposa anch’essa una linea ecosostenibile e avrà come sottotitolo “Le vie del Sangiovese”, tipo di vitigno diffuso lungo tutto il tragitto della celebre corsa podistica.

(Annalaura Matatia)