Castel San Pietro Terme (BO). “Gli appuntamenti di Atlantide” continuano con la presentazione del libro “Mio padre era comunista” (Morellini editore) di Luca Marini. Appuntamento mercoledì 17 aprile, ore 20.30, alla libreria Atlantide di Castel S. Pietro Terme. Letture a cura di Giuseppina Randi.

Virginio è un uomo di successo che vive un’esistenza agiata alla guida di un’importante azienda meccanica dell’Emilia Romagna. Alla soglia dei cinquant’anni si ritrova a fare i conti con il proprio passato che torna a bussare alla porta con una violenza inattesa: un padre comunista che gli ha insegnato valori ingombranti che non ha mai pienamente condiviso; un’automobile maledetta, segnata dal sangue e da una storia oscura e misteriosa che viene da lontano; una madre assente ma presente nel ricordo e nella capacità di evocare sensazioni e paure non sopite e mai del tutto dimenticate. Viene rievocato lo spaccato di un’epoca e di un tempo ormai trascorso, quegli anni Settanta che hanno segnato una stagione di lotte e di conquiste, ma anche di morte e di sconfitte. Pagine dense ed emozionanti, dentro le quali Virginio compie un viaggio a ritroso alla ricerca di una redenzione difficile ma necessaria, sconfiggendo a uno a uno i fantasmi di quell’infanzia che non è stato capace di combattere da bambino, autentiche ombre paurose e misteriose di una vita trascorsa tra sensi di colpa e desiderio di rivalsa.

Luca Martini (1971), bolognese, è presente in numerose antologie e riviste letterarie, ed è autore di circa trecento poesie, monologhi teatrali, una settantina di racconti, romanzi e favole illustrate. Nel 2008 ha vinto il premio Arturo Loria per il miglior racconto inedito. Tra le sue pubblicazioni più recenti: le raccolte di racconti “L’amore non c’entra” (La Gru, 2015) e “Manuale di sopravvivenza per bambini invisibili” (Pequod, 2018), la raccolta collettiva di memorie “Il nostro due agosto (nero)” (Tombolini Editore, 2015) e il libro per bambini “Il coccodrillo che voleva essere drago” (D Editore, 2017). Insieme a Barbara Panetta ha curato l’antologia “On the radio – storie di radio, dj e rock’n’roll” (Morellini, 2018), che abbiamo presentato lo scorso marzo all’interno del ciclo di incontri “Beautiful: Music & Fine arts”.

Paolo Bassi vive a Osteria Grande, in provincia di Bologna. Appassionato fotografo, si specializza nel settore medico-scientifico collaborando anche con Istituti Universitari. La passione per la scrittura lo porta a dare vita nel 2012 a “Ingresso libero”, rivista da lui ideata, gestita e realizzata in cui scrive e dà spazio contributi di diversi autori. Fa parte della giuria del concorso letterario Livio Raparelli di Ozzano dell’Emilia.

Per ulteriori informazioni contattare libreria Atlantide al numero di telefono 051.6951180 o a mezzo email a info@atlantidelibri.it