Piero Zuffi

Imola. L’Archivio di Piero Zuffi torna a Imola grazie alla Fondazione Cassa di risparmio di Imola. Un modo importante per celebrare l’anniversario dei cento anni dalla nascita.

Piero Zuffi nasceva a Imola il 28 aprile 1919. Pittore, scenografo, costumista e regista, Zuffi, dotato di fervida intelligenza, dopo alcuni anni giovanili in Sudamerica, trovò il successo a Milano nel 1951 collaborando con Strehler nella creazione di scene e costumi di un Macbeth andato in scena al Piccolo Teatro. Il rapido consenso gli aprì le porte del Teatro alla Scala, dove nel 1954 realizzò scene e costumi dell’Alceste di Gluck e della Vestale di Spontini, entrambi con Maria Callas. Da quel momento fu una cascata di successi, moltiplicati da un’ampia stagione cinematografica in cui collaborò con Rossellini, Fellini e altri, fino a realizzare nel 1969 il proprio film Colpo rovente, con Barbara Bouchet e Carmelo Bene. Piero Zuffi è scomparso a Roma nel 2006.

Il suo archivio di documenti, fotografie, manoscritti, avventurosamente rintracciato a Roma, è stato oggi acquisito dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Imola, che ne farà la base di un ricco programma di eventi e iniziative nel prossimo autunno, tra cui una mostra ed una pubblicazione che saranno realizzate in collaborazione con l’associazione culturale “Segni del moderno“.