Imola. “Sulla questione dei lavori di adeguamento dello stadio “Romeo Galli”, cosa sta succedendo? Pochi giorni fa, esattamente il 30 aprile, tramite il Comune ricevetti un crono programma che prevedeva il termine dei lavori a novembre 2019, oggi invece apprendiamo che le opere di adeguamento dovrebbero partire a febbraio 2020”.

È sorpreso Daniele Marchetti, consigliere comunale e regionale della Lega sul cambio di rotta rispetto alle tempistiche comunicategli dal Comune qualche giorno fa.

“Avevo richiesto il crono programma delle opere da eseguire al Romeo Galli per avere la situazione sotto controllo, perché ritengo importante mantenere sul nostro territorio una società sportiva che sta lavorando bene (l’Imolese, ndr). Quando ho ricevuto il crono programma dal Comune il 30 aprile, mi sentii sollevato dal fatto che venivano confermate le tempistiche previste inizialmente, che avrebbero creato disagi soltanto nella prima parte di campionato. Ma oggi, a pochi giorni da quella conferma, come è possibile che i tempi siano cambiati così radicalmente?”.

“Considerato che il tutto è avvenuto durante il passaggio delle deleghe detenute dall’ormai ex assessore Maurizio Lelli alla prima cittadina Manuela Sangiorgi, cosa dobbiamo pensare? Lo slittamento è dovuto ad una volontà politica della giunta o dal fatto che l’Amministrazione Comunale non riesce a controllare Area Blu?”, conclude Marchetti.