Riceviamo e pubblichiamo

Nell’aprile del 2011, raccolsi attorno a me una ventina di persone, fra cui personalità della cultura cittadina, della politica e, della musica: uno per tutti: il grande musicista padre Albino Varotti. Partì una raccomandata alla Soprintendenza ai Beni Arichitettonici e Paesaggistici, contenente l’espressa richiesta che il viale dei Cappuccini fosse messo sotto tutela paesaggistica.
Alcuni giorni avanti, fui contattato da un amico, il quale mi informò, i nuovi dirigenti del Movimento 5 stelle, desideravano girare  un video con il sottoscritto .Concordammo e, assieme alla attuale assessora alla Pubblica Istruzione Claudia Resta, girammo un video che poi fu fatto girare in rete. In tale registrazione si stigmatizzava la necessità di una valorizzazione dello storico viale.
Nei giorni seguenti, entrai  in contatto con l’ attuale assessore al Bilancio Claudio Frati.  Gli girai i documenti a mia disposizione, ma non si combinò nulla. Cercammo anche di sollecitare  l’allora assessore ai Lavori Pubblici Raffaella Salieri ma anche qui con zero risultati.

Ricordo inoltre di avere informato il Ministro ai Beni Culturali di allora. Per dare l’ idea di come vanno le cose in Italia, non è mai tornata indietro la la raccomandata AR, controfirmata dalla Soprintendenza. Furono inoltre svolti lavori stradali, che finivano per ” sfigurare” ulteriormente il viale, facendo infuriare i residenti e i tanti cittadini che amano la storia e la cultura locale.

A distanza di 8 anni desidero rilanciare la proposta avanzata alla Soprintendenza il 21 aprile 2011. Passo quindi questa proposta, all’attuale assessore alla Cultura, che mi pare coincida nella persona dell’attuale sindaca Manuela Sangiorgi, la quale mi pare molto partecipe e sensibile alla storia della nostra città e quindi potrebbe farsi carico di ripresentare alla Soprintendeza tale richiesta.
(Francesco Grandi)