Silvia Sanna in azione sul rovescio

Imola. Maestra di tennis inflessibile in particolare sul rovescio sui campi della Bocciofila, campionessa del Mondo nella sua categoria (45-49 anni) in doppio sfiorando la doppietta in singolo dove comunque è riuscita a centrare la finale.

Si tratta di Silvia Sanna, quest’anno compie 49 anni, che a Miami in Florida si è resa protagonista di un’ottima prestazione. “In singolo ho passato quattro turni prima della finale – spiega la Sanna – e il più difficile è stato il primo quando ti assale un po’ l’emozione vinto comunque 6-3 6-3. Gli altri turni sono stati più agevoli, ma mi sono affaticata comunque notevolmente anche perché contemporaneamente partecipavo al torneo di doppio. In finale contro Claudia Timm Hoffmann nel primo set stavo vincendo 5-2, ma poi la tedesca ha cominciato a giocare alla grande, forte in battuta e pure nelle discese a rete. Si tratta di una giocatrice che è stata professionista fino al 2001 vicina al 350esimo posto al mondo e che si è battuta pure con Flavia Pennetta e Francesca Schiavone. Ho perso 7-5 il primo e poi sono calata perdendo, ero troppo stanca”.

E in doppio? “Ero in coppia con Valentina Padula, ci completiamo molto bene a vicenda perché io sono solida da fondo e lei chiude bene a rete. La partita più difficile è stata la prima, vinta solamente al tie break al terzo per 10-8. In finale abbiamo battuto le sudafricane Booth-Fernandes per 6-1 6-2. Una grande soddisfazione, anche se in quella settimana non sono riuscita a vedere le bellezze di Miami, sempre concentrata su allenamenti e campi da gioco anche perché la Federazione non ti aiuta e se vinci hai diritto solamente a un piccolo rimborso spese”.

Programmi per il prossimo anno? “Sarò nell’altra fascia d’età, over 50, e avendoli appena compiuti in teoria sarei facilitata. Tornerò ai Mondiali di Miami, devo decidere se giocare il doppio sempre con Valentina ma nella categoria 45-49 perché lei è più giovane di me, o cambiare compagna”.

(m.m.)