Imola. Era un vero e proprio “coltivatore” di piante di cannabis. Ma la sua “piantagione”, a Sesto Imolese, è stata scoperta dai carabinieri con una perquisizione domiciliare che hanno eseguito a casa di un giovane 25enne a seguito di un’attività investigativa tesa a stroncare il traffico di sostanze stupefacenti nel circondario.

Le ipotesi dei carabinieri sono state confermate dal ritrovamento di piante e ramoscelli di cannabis in corso di essiccazione, un bilancino elettronico di precisione e una discreta quantità di attrezzatura (lampade al sodio, termostato digitale, ventilatore, aspiratore e deumidificatore) idonea a ricreare il clima adeguato per la crescita delle piante. La sostanza stupefacente è stata analizzata dai carabinieri del laboratorio analisi sostanze stupefacenti del Comando Provinciale di Bologna. Il 7 maggio mattina, in sede di giudizio direttissimo presso il Tribunale di Bologna, l’arresto per produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti o psicotrope è stato convalidato e il giovane è stato rimesso in libertà con l’obbligo di presentarsi tre volte a settimana presso gli uffici della Polizia Giudiziaria.