Castel San Pietro Terme (BO). “Le arti e la spada. La committenza artistica dei Templari e dei cavalieri di Malta in Emilia e in Romagna” è il titolo del libro di Paolo Cova (Persiani editore) che sarà presentato mercoledì 8 maggio, ore 18.30, alla libreria Atlantide di Castel San Pietro Terme. L’autore dialogherà con Andrea Severi. Il quinto appuntamento del ciclo “Beautiful: Music & Fine arts”, con il patrocinio del Comune di Castel San Pietro Terme, il lavoro di ricerca di Paolo Cova sulla committenza artistica dei cavalieri Templari e di Malta, con particolare attenzione allo studio e al recupero del patrimonio che appartenne ai due Ordini religioso – cavallereschi in Emilia e in Romagna, oggi in parte disperso o dimenticato.

L’autore ha voluto tracciare da un punto di vista storico il profilo dei due Ordini nella regione, ricostruendo le opere d’arte e i complessi decorativi delle loro magioni. La consultazione e l’utilizzo della vasta documentazione inedita, conservata nell’Archivio priorale di Roma, nella Biblioteca nazionale di La Valletta a Malta, e nei diversi Archivi di Stato del territorio, ha permesso così di riscoprire un patrimonio vasto e articolato, che coniuga capolavori con manufatti di cultura assai più̀ corsiva, ma capaci di raccontare la storia dei loro artefici, in continuo e sostanziale dialogo con le culture artistiche che hanno attraversato l’Emilia e la Romagna, e non solo, tra Medioevo e Modernità̀.-

Paolo Cova, dottore di ricerca in Storia dell’Arte, è cultore della materia e tutor in Storia dell’Arte medievale. Dal 2006 si occupa di ricerca e didattica presso i Musei Civici d’Arte Antica di Bologna. Ha svolto un periodo di ricerca a Los Angeles presso il J. Paul Getty Museum e la Ucla. Ha insegnato History of Architecture al centro universitario statunitense Cife di Ferrara. Dal 2014 collabora con Ballandi Art e Ballandi Multimedia nella realizzazione di programmi televisivi per Rai Storia e Sky Arte come “commentatore esperto scientifico in video”. Nel 2017 e nel 2018 con Rai Italia ha condotto come presentatore, consulente scientifico ed esperto storico dell’arte il programma “InaspettArte” all’interno di “Italian Beauty”. Presidente dell’associazione culturale Rabisch, da settembre 2015 ha fondato e insegna nella Libera Scuola di Storia dell’Arte “F. Arcangeli”. Da sempre impegnato nella ricerca storico artistica, ha all’attivo numerose pubblicazioni, anche di notevole rilevanza come le voci del Dizionario Biografico Treccani, il nuovo manuale di Carlo Bertelli “Invito all’arte 2. Il Medioevo”. Da febbraio 2019 è Referente scientifico della Fondazione Carisbo per la Rocchetta Mattei.

Andrea Severi è attualmente ricercatore presso il dipartimento di Filologia classica e Italianistica, dove insegna Letteratura italiana del Rinascimento. Ha pubblicato l'”Adolescentia” di Battista Mantovano (Bup, 2010), le monografie “Filippo Beroaldo il Vecchio un umanista per l’Europa” (il Mulino 2015) e “Leggere gli antichi coi moderni e i moderni con gli antichi: Petrarca, Valla, Beroaldo” (Patron, 2017). Con Loredana Chines ha fatto edizioni commentate dell’Autobiografia e altre opere latine di Leon Battista Alberti (Bur 2012) e i Sermones I-IV dell’umanista bolognese Antonio Urceo Codro (Carocci 2013). È redattore delle riviste accademiche Griseldaonline, Studi e Problemi di Critica Testuale ed Ecdotica.

Il ciclo proseguirà mercoledì 22 maggio, alle ore 20.30, con la presentazione del libro di Gabriele Dadati, “L’ultima notte di Antonio Canova”, (ed. Baldini + Castoldi).

Per ulteriori informazioni contattare Libreria Atlantide al numero di telefono 051.6951180 o a mezzo email a info@atlantidelibri.it