Imola. Il deputato azzurro Galeazzo Bignami e Nicolas Vacchi, Vicecommissario provinciale FI delegato al circondario imolese di FI, chiedono il conto a Hera sulla gestione della discarica Tre Monti. L’attacco arriva nella stessa giornata in cui la procura di Bologna, coordinata dal Pubblico ministero Morena Plazzi, chiude le indagini per inquinamento ambientale.

“Una nuova tegola sulla gestione della discarica di Imola da parte di Herambiente si aggiunge alle già note vicende che vanno dalla bocciatura definitiva del progetto di sopraelevazione alla pronuncia dell’Antitrust (che avvenne a seguito di un nostro esposto) con cui si ribadiva la necessità di procedere a un bando pubblico per l’affidamento della stessa. La notifica dell’avviso di chiusura indagini per il reato di “inquinamento ambientale” al responsabile della Filiera discariche di Herambiente, è l’ultimo tassello di una vicenda che giunge finalmente al suo epilogo. Crediamo, a questo punto, che nessuno possa più mettere in dubbio la necessità di procedere alla bonifica del sito imolese che ha accolto rifiuti da ogni parte d’Italia e su questo ha fondato il suo business. E, del resto, l’intervento del Comando Carabinieri per la tutela dell’ambiente era stato richiesto anche con interrogazione parlamentare proprio dal deputato Galeazzo Bignami nell’aprile 2018“.

Galeazzo Bignami e Nicolas Vacchi (FI)

I due azzurri proseguono augurandosi “che anche la Regione, che per lungo tempo ha fatto orecchie da mercante, stralci, definitivamente, il sito Tre Monti dal Piano rifiuti regionale. Perché è evidente che la gestione della Tre Monti ha presentato e presenta criticità importanti e sulle stesse occorre fare assoluta chiarezza, accertando eventuali responsabilità e chiamando il gestore a fare la sua doverosa parte nella bonifica del sito. Ora ci aspettiamo una presa di posizione netta e ferma dalle Istituzioni a qualunque livello. Il sito della Tre Monti va assolutamente bonificato. E su questo occorre che tutti siano d’accordo e chi deve fare “mea culpa” lo faccia senza tante giustificazioni”.

(Verner Moreno)