Faenza. Inizierà ufficialmente sabato 11 maggio, in occasione delle celebrazioni per la festa della Madonna delle Grazie (patrona di Faenza), il mese e mezzo del Palio: ritrovo in piazza Nenn,i alle ore 17.30, per la “Donazione dei Ceri”, cerimonia che dal 1997 apre ufficialmente le manifestazioni del Palio del Niballo.

I cortei dei cinque rioni faentini (delegazioni rionali composte da due sbandieratori, un tamburino, un portacero, due figure maschili e un portagonfalone) e del gruppo municipale riceveranno il cero in piazza Nenni e da lì partiranno (percorrendo via Pistocchi, via Severoli e Piazza del Popolo) per arrivare a piazza della Libertà, di fronte al duomo, in cui entreranno (i portaceri si posizioneranno al centro della navata centrale della chiesa) i gruppi e consegneranno, assieme ai propri capo rioni, i propri ceri con lo stemma rionale al vescovo, che a sua volta consegnerà al sindaco e al gruppo municipale il drappo del Niballo (realizzato dall’artista ravennate Daniele Albatici), che successivamente verrà posto in sacrestia fino alla fine della messa, dopodichè verrà collocato su un apposito portagonfalone presso l’altare della cappella della Madonna delle Grazie, dove rimarrà visibile fino al 23 giugno, giorno della gara del Palio.

(Annalaura Matatia)