Faenza. Una 3 giorni interamente dedicata alla convivialità, all’arte, al divertimento e al buon vivere in tutte le sue forme: giunta alla sua 12ª edizione, torna l’evento promosso e ideato da Distretto A nella sua formula “Distretto a weekend”.

Ogni anno viene scelto un tema, un leitmotiv per ogni edizione, il tema di questo dodicesimo anno di “Distretto a weekend” è “GraziePrego”: un elogio alla gentilezza, al bel modo di fare, desueto e ricercato che ormai è stato dimenticato dalla maggior parte della gente.

Si parte la sera del 17 maggio con una cena itinerante che prevede 51 spazi che ospiteranno 45 chef e 35 tra produttori di vino, cocktail e birre artigianali, e si prosegue sabato con la serata dedicata al cibo di strada e all’arte: in questa serata si potrà gustare il cibo di strada, sorseggiare aperitivi nei balconi, assistere a presetnazioni di libri nei cortili e perfino partecipare a cene esclusive a casa di un architetto o in una storica corte con Marta Scalabrini, chef emergente.

La giornata di domenica 19 maggio prevede invece le colazioni e le visite guidate in dimore nascoste, luoghi artistici e persino botteghe di ceramisti, in concomitanza tra l’altro con “Buongiorno Ceramica!”, altro evento del contenitore Maggio faentino.

Tra le novità di “Distretto a weekend” vi sarà il banchetto di Distretto A, con vendita di bicchieri da cocktail in materiale ceramico col logo disegnato da Cesare Reggiani, che riprende il leitmotiv del weekend di Distretto A, inoltre verranno poi ospitati nuovi ristoranti, tra cui l’Ustareja di du butò di Solarolo (gestita da due ragazzi molto giovani), O’Fiore mio hub e Alexander, rinomato ristorante che quest’anno avrà il suo stand presso il museo Carlo Zauli.

Come ogni anno, il trasporto da diversi punti della città verrà garantito dai GreenGo Bus del Gruppo Erbacci, che da anni collabora con DistrettoA assieme a numerosi sponsor e supporters.

Per il programma completo si possono concultare le pagine facebook di Distretto A e il sito www.distrettoa.it , oltre a trovare nei vari locali della città le mappe relative ai luoghi e agli appuntamenti del weekend.

(Annalaura Matatia)