Castenaso (BO). “Il finanziamento per la nuova scuola di Castenaso è a rischio?”. La domanda la pone il Movimento 5 Stelle del comune bolognese in vista del voto di domenica prossima, 26 maggio. Il giallo riguarda le tempistiche connesse alla realizzazione della nuova scuola media che dovrebbe sorgere in via dello Sport. Tempi e modalità che fanno esprimere “preoccupazione” per il buon esito dell’operazione, ancora ferma presso gli uffici tecnici comunali. L’affidamento presenta carattere di urgenza in quanto l’Amministrazione è titolare di un finanziamento pubblico (ex art. 1, comma 140 Legge 232/2016) di importo pari a 5 milioni di euro, che potrebbe essere revocato nel caso non venga formulata proposta di aggiudicazione entro il 19 agosto 2019.

“Ho presentato apposita interpellanza in merito – ricorda Fabio Selleri, capogruppo e candidato sindaco – e la risposta non ci ha tranquillizzati sull’effettiva possibilità di ottenere il contributo a fondo perduto di 5 milioni stanziato dal Ministero, determinante ai fini dell’opera (dal costo complessivo di circa 11 milioni). Il decreto ministeriale, pubblicato in febbraio 2018, poneva come condizione per tale finanziamento la conclusione entro il 19 agosto 2019 della gara per l’assegnazione dei lavori. Al 7 maggio il bando non era ancora stato pubblicato, mentre sappiamo che le procedure di gara europea che dovranno seguire la pubblicazione sono particolarmente complesse e richiederanno tempo”.

Progetto nuova scuola media Castenaso

La realizzazione della nuova scuola era un punto qualificante del programma dell’amministrazione di Stefano Sermenghi, PD. Giunta comunale che aveva raggiunto una visibilità nazionale con la nomina ad assessore della sorella di Matteo Renzi, Benedetta, poi dimissionaria. Sermenghi, non più rieleggibile in quando ha già svolto il massimo di due mandati previsti dalla legge, sosterrebbe ora una lista “civica” nella quale, fra i candidati, è presente il fratello. La stessa lista sulla quale si concentrano le critiche del Movimento 5 Stelle.

“Alla lista PD-Prima Castenaso, che ha amministrato il nostro Comune in questo mandato e si ricandida per il prossimo vantando un’esperienza di ‘buon governo’, chiediamo il motivo di questo ritardo. E’ possibile che il termine del 19 agosto non venga rispettato? Perché attendere fino all’ultimo giorno rischiando di perdere tale finanziamento? Può essere
messa in discussione la stessa realizzazione della scuola? Invece di perdere tempo per tutto il 2018 in inconcludenti dibattiti sulla fusione con Granarolo l’Amministrazione avrebbe potuto concentrare le proprie energie su questo progetto ben più importante?”.

La realizzazione del progetto è stata affidata, in seguito a concorso di progettazione espletato nel corso del 2018, ad un raggruppamento temporaneo che ha come capogruppo Arklab Studio di architettura con sede a Imola (Bo).

(Verner Moreno)