Casalfiumanese

In vista del voto amministrativo di domenica 26 maggio, dove saranno chiamati alle urne i cittadini di Castel San Pietro Terme, Medicina, Casalfiumanese, Borgo Tossignano, Fontanelice, Mordano, Castel Guelfo e Dozza, continua il nostro viaggio alla scoperta dei candidati sindaci. Questa volta tocca a Casalfiumanese.

 

 

GLI INTERVISTATI (in ordine alfabetico)

Donatella Marchetti

Donatella Marchetti: “Ho 56 anni, sono divorziata, ho due figli, sono segretaria di amministrazione ed ex commerciante. Esperienza precedente: candidata per Fratelli d’Italia alle precedenti elezioni amministrative Comune di Imola”.

 

 

 

Beatrtice Poli

Beatrice Poli: “Ho 25 anni, nubile, studentessa, assistente alla scuola dell’infanzia e supplente di docenti di scuola dell’infanzia, dal 2014 al 2019 nel Comune di Casalfiumanese mi sono occupata di Cultura, Pubblica Istruzione, Politiche Sociali e Sanitarie, Politiche per le Frazioni, Pari Opportunità”.

 

 

Gisella Rivola

Gisella Rivola: “Sono nata a Imola 60 anni fa, vedova con un figlio di nome Marco. Sono insegnante di sostegno presso l’istituto n° 6 di Imola, da 2 anni sono anche vice-preside dell’Istituto, precedentemente ho insegnato all’I.C 2 di Imola sempre come insegnante di sostegno e per 14 anni ho svolto anche la funzione di vice-preside del medesimo Istituto. Sono stata anche funzione strumentale nell’area delle disabilità/alunni e sono abilitata all’insegnamento della lingua inglese, ma ho buone competenze anche in francese. Sono stata prima consigliere per 5 anni, poi assessore per 10 anni, infine sindaco 5 anni (1 mandato)”.

 

Fabrizio Sarti

Fabrizio Sarti: “Sono nato a Bologna nel 966, coniugato con due figli, operatore tecnico presso Area Blu SpA, consigliere comunale a Casalfiumanese, residente a Casalfiumanese dal 1990”.

 

 

 

LE DOMANDE
Liste che la sostengono
MARCHETTI
: “Mi presento per la lista civica ‘Centrodestra unito per Casalfiumanese’ sostenuta da Fratelli d’Italia, Lega, Forza Italia”.
POLI: “E’ un’unica lista ‘Insieme per Casalfiumanese’”.
RIVOLA: “La mia è una lista civica organizzata dai cittadini che sono con me in lista, per il bene del nostro Paese, non sostenuta da forze politiche”.
SARTI: “Lista Movimento 5 Stelle”.

Tre priorità per il suo paese
MARCHETTI
: “Partire dalla necessità dei cittadini affinché siano sempre al primo posto e accorciare le distanze fra istituzioni e persone. Rilancio del territorio con particolare attenzione alle manutenzioni stradali e della viabilità anche accedendo a fondi Europei. Sport e tempo libero supportare e dare risalto alle associazioni sportive e culturali presenti sul territorio”.
POLI: “Scuola ed educazione perché rappresentano il nostro futuro; strade e verde pubblico perché fanno parte della quotidianità; ambiente ed educazione ambientale perché sono la sfida per il nostro futuro”.
RIVOLA: “Vogliamo riportare i servizi vicino al cittadino. Sostenere le famiglie introducendo il baratto amministrativo… ovvero meno tasse… più asilo nido… e bonus famiglie. Curare ambiente, strade e più investimenti… una piscina comunale!”.
SARTI: “Viabilità, scuola, ambiente. Aggiungo una quarta: organico dell’ente in gravissima insufficienza”.

Principali differenze con gli altri candidati
MARCHETTI
: “Noi siamo la nuova proposta sul territorio e la cosa risulta avvincente e molto stimolante. Non entro nel merito di giudizi su altri candidati”.
POLI: “La nostra lista ha come valore fondante la condivisione e l’ascolto. Non mi sento un candidato singolo ma piuttosto una squadra che si candida a governare una Comunità”.
RIVOLA: “Siamo gli unici a non dover rispondere a logiche di partito o piattaforme più o meno manipolate”.
SARTI: “La differenza sostanziale, riguardo alle candidate Rivola e Poli, è la credibilità. Dal punto di vista di cittadino, mi chiedo come dare fiducia due persone che, dopo essersi cimentate al governo dell’ente, senza peraltro aver concluso nulla di significativo, ma abbandonando il territorio e il patrimonio comunale al più completo degrado, per la vicenda delle paradossali primarie siano entrate in un aspro conflitto: dopo il nulla di fatto come amministratori, pure la guerra per la poltrona. La Rivola incolpa il Pd di averle imposto direttive dall’alto per assecondare convenienze politiche e non quelle dei cittadini, ma ricordo che ‘Insieme per Casalfiumanese’ era e si professa attualmente lista civica. E ancora mi chiedo, se la Rivola fosse stata scelta come candidata, tutte le cose delle quali accusa il Pd le avrebbe considerate giuste direttive? La Poli, corresponsabile della fallimentare esperienza di governo, invece dichiara la sua indipendenza dal Pd, però le votazioni delle primarie che l’hanno designata a candidata di ‘Insieme per Casalfiumanese’ erano aperte solo ai tesserati del partito, ma allora questa indipendenza? Loro a parole potranno continuare a rivendicarla, ma i fatti dimostrano esattamente il contrario e, dalla Regione a scendere, il Pd, nel buio delle quinte, continua a manovrare i fili. Nei confronti della Marchetti, alcuni dei nostri componenti la lista sono nati a Casalfiumanese, ma tutti gli altri vi abitano ormai da diversi anni e quindi conosciamo il territorio nella complessità dei suoi aspetti. Nella lista del centrodestra mi sembra che solo due di loro abitino a Casalfiumanese, gli altri sono perfetti sconosciuti”.

Leader nazionale preferito
MARCHETTI
: “Il mio leader mai indiscusso è Giorgia Meloni”.
POLI: “Non credo nei leader politici singoli ma piuttosto nelle squadre di governo, ma se proprio devo indicare un leader della nostra epoca direi senza ombra di dubbio Papa Francesco, in quanto figura importante, equilibrata e presente”.
RIVOLA: “Noi siamo per l’Europa. Ci riconosciamo nei valori fondativi dell’Italia che poi sono quelli dell’Europa e in una maggiore partecipazione della donna nelle scelte del Paese. Più che un riferimento preciso nel panorama politico preferiamo dire cosa non siamo. Siamo contro la destra e contro ogni forma di violenza che non rispetti la diversità di opinione, di religione e ogni forma esplicita ed implicita di razzismo. Siamo contrari ai populismi che promettono quello che non possono e ad ogni forma di estremismo e prevaricazione”.
SARTI: “Come leader politico il preferito è Luigi Di Maio, parlando di persone che hanno un ruolo politico importante, anche se non siano, ho grande ammirazione per Alfonso Bonafede”.