Bologna.Si e’ svolta alcuni giorni fa  l’assemblea congiunta Cisl – Cgil – Uil, area medici e comparto,  del personale afferente al Servizio di ORL (Otorinolaringoiatria) dell’ Ospedale Maggiore e dell’Ospedale Bellaria, sul progetto di unificazione (“rimodulazione”), della ORL A (Ospedale Maggiore) e ORL B (Ospedale Bellaria) che prevede il trasferimento dell’Unità operativa ORL dell’Osp.Maggiore all’ Osp.Bellaria, compresi i Servizi di DH, DS e Ambulatoriali.

Ottima la partecipazione dei professionisti ed operatori della salute che ha visto la presenza dei medici, infermieri, Oss, e tecnici, ma anche che la presenza spontanea del personale afferente alle varie Sale operatorie .

Tutto il personale presente ha avuto modo di esprimere le proprie perplessità su tale progetto di “rimodulazione” non chiaramente definito sulla programmazione attuativa il cui inizio è previsto il prossimo 11 giugno.

Da sottolineare al confronto sindacale con la Direzione aziendale del 16 maggio us, non è stata fornita adeguata informazione sui vari aspetti di programmazione dei Servizi unificati nella “rimodulazione” e soprattutto una analisi attenta sulle declinazioni nelle attività prestazionali ai cittadini : la stessa gestione delle liste d’attesa con la previsione di riduzione delle ore di sala operatoria può determinare un allungamento dei tempi di attesa; la verosimile sede del Servizio di Pronto soccorso specialistico lontana dall’ Osp. Maggiore dove è presente il “Trauma Center, ecc. .

Alle tante richieste di chiarimenti su eventuali criticità che si prevedono sulla unificazione dei due Servizi, l’Azienda non ha fornito risposte puntuali , ma ha comunicato che intende procedere per step con l’insediamento di gruppi di lavoro i cui risultati non avranno tempi brevi e comunque non entro il prossimo 11 giugno dove si prevede il trasferimento di una seduta di sala operatoria all’Osp. Bellaria

Le sottoscritte organizzazione sindacali pertanto ritengono che la “rimodulazione” debba essere rinviata a quando sarà completato il progetto di programmazione e i risultati dei gruppi di lavoro e soprattutto quando tali riorganizzazioni hanno visto la partecipazione/condivisione del personale interessato, il cui obiettivo prioritario è quello di continuare a fornire al cittadini prestazioni eccellenti che ha sempre caratterizzato il Servizio ORL .

(Cgil Cisl Uil medici e comparto)