Daniele Bassi e Maria Elena Morra, candidati a Massa Lombarda

A pochi giorni dalle elezioni amministrative che coinvolgeranno anche i comuni della Bassa Romagna, il centro che desta maggiore interesse è senz’altro quello di Sant’Agata sul Santerno. Caso più unico che raro, il piccolo comune vede infatti un unico candidato, non altro che il sindaco uscente, il trentasettenne Enea Emiliani. Quest’ultimo svolge anche il ruolo di capogruppo, assessore comunale nonchè consigliere dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, dove ricopre la presidenza della commissione Bilancio. In casi come questo, il candidato a sindaco ha bisogno di non meno del 50 per cento di voti validi in suo favore: anche il numero dei votanti non deve essere inferiore al 50 per cento degli elettori iscritti nelle liste elettorali del Comune.

Se Sant’Agata sul Santerno presenta un unico candidato, Massa Lombarda la supera di poco: la gara è a due. Daniele Bassi, Sindaco uscente con alle spalle tre legislature, si candida con “Il Futuro in Comune”, mentre l’altra candidata, Maria Elena Morra, con la civica “Uniti per Massa Lombarda”.
Bassi, notissimo esponente locale Dem, ha un passato come sindacalista della Cgil. Poi, dal 1994 ha praticamente sempre amministrato il comune natio, ad eccezione di una parentesi di cinque anni, dal 2011 al 2016, in cui ha ricoperto il ruolo di consigliere provinciale tra le file del Partito democratico.
Altra storia  per la candidata del centro destra Maria Elena Morra, alla sua prima apparizione in politica. La Morra, quarantasei anni, è insegnante elementare a Sant’Agata sul Santerno. Si dichiara simpatizzante della Lega di Salvini.

(Aris Alpi)