Da sinistra la sindaca Manuela Sangiorgi con l’assessore ai Tributi Mirella Fini

Imola. Attivista del Movimento 5 stelle, grillina e buganiana doc, la nuova assessora Mirella Fini, che sostituisce anche nelle deleghe la fugace apparizione di Rosa Lucente aggiungendo i Tributi, dovrebbe assestare almeno un po’ la giunta della sindaca Manuela Sangiorgi.

“Sono sposata, con un figlio di 17 anni e abito a Castel San Pietro dal 2002 – spiega la Fini -. Sono stata candidata al consiglio comunale di Bologna nel 2016 nella lista del M5s capitanata da Max Bugani, credo nel progetto del Movimento e ne sono sempre più convinta, ho conosciuto Beppe Grillo e ne sono stata colpita molto positivamente. Ero a Imola la notte in cui Manuela Sangiorgi è stata eletta sindaca circa un anno fa, la conosco e so che sta lavorando sodo anche se solamente in un anno non si possono risolvere tutti i problemi ereditati dalla precedente Amministrazione, comunque le soluzioni le troveremo. Sono alla prima esperienza nel settore pubblico e spero di fare bene”.

E’ da tempo un’attivista pentastellata quindi conosce bene il codice etico che ha già comportato questioni complicate che forse non sono ancora finite in giunta? “Sì, conosco bene il codice etico e non ho riportato mai alcuna condanna”.

La sindaca Sangiorgi invece è un fiume in piena contro “i giornali e un’opposizione che è di un livore unico, succede solo a Imola dove hanno già cominciato a dire che pure l’assessora Fini non proviene dalla nostra città. Io credo che sia invece necessario pensare soprattutto alle capacità e alle competenze delle persone. Il Circondario ha qualche situazione critica, nell’ufficio Tributi e al Personale (altra delega per la Fini, ndr) dove bisogna snellire le procedure. Ecco perché abbiamo commissionato una consulenza per capire bene la situazione sulle Unioni dei Comuni allo Studio Susio di Milano che da terminerà entro un paio di mesi”.

La sindaca ricorda che “sull’analisi post-voto mi è stata chiesta la mia idea e l’ho espressa, tutti sanno che il M5s sui territori ha qualche problema in più e che Max Bugani ricopre molti incarichi, c’è stato un piccolo battibecco ma nulla di grave. Inoltre sto ancora valutando chi sarà il nuovo assessore allo Sport (finora si è fatto il nome del consigliere comunale Massimo Vasselli molto papabile, ndr), lo nominerò fra circa una settimana. Mi terrò la delega all’Autodromo perché mi ha molto appassionato in questi mesi, vorrei renderlo ancora più polifunzionale, è una bella sfida”.

Sindaca, la dottoressa Rosa Lucente ricopre ancora incarichi dentro il Comune? “No, non ha più alcun incarico ufficiale, è venuta qualche volta in Comune per salutare i dirigenti e per il passaggio di consegne sui temi ai quali stava lavorando. Comunque a Imola c’è un clima impossibile, avevamo aperto un bando per una persona esperta di comunicazione ed eventi per farci diventare ‘città del fair-play, ma quando ha visto le cose che sono state scritte su di lei, ha rinunciato e io l’ho capita”.

Pensa di riuscire a tirare avanti ancora per quattro anni con una maggioranza consiliare così rissosa? “E’ molto difficile andare avanti, ho solamente bisogno di prendermi un po’ di ferie, l’opposizione faccia il suo mestiere ma non dica sempre di no a priori. Sì, c’è qualche problemino con alcuni consiglieri del M5s, con qualcuno più di altri, ma cercherò di continuare a governare con grande determinazione”.

(Massimo Mongardi)