Lo scrittore di “Diciamolo…” (disegno di Francesca Spezia)

Cara Prof… Grazie per avermi nuovamente rispolverato il fatto di quanto sia poco etico affrontare le questioni con preconcetti acquisiti e non comprovati. Quasi fossimo tutti noi presi da una forma istintuale che ci proviene da chissà dove e che ci protegge chissà per quanto. Invero, il preconcetto ci sottrae dal ragionamento e ci libera il campo da qualsivoglia conflitto interiore, che però potrebbe portare in noi crescita e maturazione. E poi quanta indolenza al comprendere ci accompagna allorquando negoziamo, senza ascoltar altra ragione! Difendiamo l’acquisito perché non siamo più disposti a rinunciare a quel poco a cui la consuetudine degli usi e costumi ci ha abituati. Perdonaci, quindi, se oggi siamo ancora nostalgici e refrattari forse più per paura di sentire affiorare le vecchie croste là dove ora ci son solo cicatrici, che per il palesarsi di un vero e proprio imminente pericolo.

(Sante Boldrini)