Imola. Fare valere i propri diritti costa molto, soprattutto se lo si fa con competenza. L’esempio arriva dalla battaglia pluriennale che il comitato “Vediamoci chiaro” sta svolgendo contro l’ipotesi di ampliamento della discarica Tre Monti di Imola. Dal 2015 ad oggi sono stati spesi in tutto 69.900 euro, pesano soprattutto due voci: le analisi necessarie per dimostrare la fondatezza delle proteste (32.150 euro) e le spese legali (32.500 euro). E’ chiaro che contro ci sono delle realtà che hanno un grossa capacità di spesa, soprattutto possono spendere soldi che non provengono dalla tasca di chi le dirige.

Ricordiamo che “il mostro sulle colline di Imola è attivo da più di 40 anni dove ha accumulato 5.200.000 tonnellate di rifiuti; come comitato abbiamo vinto anche il ricorso in Consiglio di Stato, bloccando definitivamente il progetto per la quarta sopraelevazione della discarica, ma per le spese legali… ognuno il suo, secondo la sentenza. Non ci sembra equo, vista la composizione delle parti, quando da un lato ci sono i cittadini e dall’altro Regione, Herambiente e Con.Ami., che oltretutto sono gli autori del ricorso… Ma così è deciso e mancano ancora 11.763 euro per coprire tutte le spese sostenute”, fanno sapere da “Vediamoci chiaro”.

Da qui una serata di autofinanziamento che avrà luogo giovedì 20 giugno, dalle ore 20, all’azienda agrituristica Frascineti (via Chiesa di Pediano 2).
La serata prevede un buffet al costo di 25 € e comprende: affettati, piadina, torte salate, pizza, pasta fredda, panini ripieni, patate al forno, Coca Cola, acqua e vino.
Accompagneranno la serata i Lennon Lives con musiche di J. Lennon e dei Beatles.
È obbligatoria la prenotazione (con prevendita) al numero 348.7005890 entro domenica 16 giugno.

Per chi non riesce a partecipare e vuole contribuire alla causa può fare un versamento o bonifico (IBAN IT90K0760102400000076321181) su c/c postale 76321181 intestato a Legambiente Medicina ONLUS.
Causale: erogazione liberale a sostegno spese legali ricorso Discarica Tre Monti.
L’erogazione potrà essere detratta dalla denuncia dei redditi nei termini di legge.

I costi sostenuti fino ad oggi