Le parole che diciamo sono giuste al sentimento che proviamo? Il problema è che una parola non mi dice solo della parola, ma mi significa altre parole che potrebbero essere sinonimi della prima parola. Sì! Le parole sembrano fatte apposta per confonderci. Ci portano ad essere diversi e lontani da quanto, gli intimi segnali del nostro corpo, ci inviano. Due giovani che si dicono “Ti amo” quanto sono detti dal trasporto della dichiarazione e quanto, invece, riescono trasfondersi l’uno nell’altra? Reale empatia o accrocchio di situazione? Questione di umori: liquidi, profumi e infingimenti messi all’intorto nel corteggiamento, dove “A parola far corte”.

(Sante Boldrini)