L’atipico cantante italiano Mario Biondi

Imola. Non sarà certamente il grande Vasco Rossi richiamato ieri da una folla di quasi cinquemila persone dalle tribune della curva Rivazza, ma un concerto abbastanza prestigioso è in procinto di arrivare anche quest’anno nel paddock dell’autodromo.

Sotto la regia della sindaca Manuela Sangiorgi che è anche assessora alla Cultura e con la collaborazione dei vertici di Formula Imola e della società turistica Imola-Faenza, a metà luglio quasi certamente canterà gratuitamente davanti al pubblico il cantante Mario Biondi.

Ecco il riassunto della biografia del 48enne Biondi, già abbastanza famoso. È del 2007 la partecipazione come celebrità al Festival di Sanremo, dove duetta con Amalia Gré nel brano Amami per sempre, scritto dalla stessa Gré con Michele Ranauro e Paola Palma.[5] Nello stesso anno ha pubblicato un singolo intitolato No Matter, in collaborazione con Mario Fargetta[6]. Sempre nello stesso anno partecipa al disco di Ornella VanoniUna bellissima ragazza, cantando con lei in Cosa m’importa.

Interpreta cover di brani molto famosi come Just the Way You Are, composta nel 1978 da Billy Joel e interpretata anche da Barry White. Nel novembre 2007 viene pubblicato il doppio album live con la Duke OrchestraI Love You More registrato al Teatro Smeraldo di Milano nell’ottobre dello stesso anno. Nel doppio cd è inclusa This is What You Are come ghost track.

Nel 2008 viene coinvolto dalla Walt Disney nel progetto di remake de Gli Aristogatti. Biondi è interprete delle due colonne sonore del film d’animazione Everybody Wants to be a Cat (Tutti quanti voglion fare jazz nella versione italiana) e Thomas O’Malley (Romeo er mejo der Colosseo). Nello stesso anno viene imitato, e invitato all’ultima puntata nel programma della Gialappa’s band Mai dire Martedì.

Nel febbraio 2009 è stato ospite al Festival di Sanremo, dove ha duettato con Karima Ammar, in gara nella sezione giovani, nella canzone Come in ogni ora. Sul palco del Teatro AristonBurt Bacharach, produttore del disco e autore di uno dei brani, ha diretto l’orchestra e ha suonato il pianoforte. Ha duettato con Renato Zero nel brano Non smetterei più, contenuto nell’album Presente, e nel brano Nei giardini che nessuno sa, durante il tour di concerti Sei Zero, esibizione contenuta anche nel DVD della serie di concerti. Il 6 novembre dello stesso anno è uscito il nuovo album If, anticipato dal singolo Be Lonely. Qualche mese dopo si è esibito ai Wind Music Awards cantando No More Trouble in una nuova versione insieme con gli Incognito.[7]. Nel 2010 collabora con l’amico collega Pino Daniele, in un duetto nel brano Je so Pazzo.

Nel 2011 duetta con Anna Tatangelo nel brano del quale è anche autore L’aria che respiro, e firma per lei anche il brano Se. Entrambe le canzoni sono contenute nell’album Progetto B. Inoltre interpreta la cover in italiano del classico soul dei The Temptations My Girl, inserita nel doppio album Due. Inoltre partecipa al cast delle voci italiane del film d’animazione Rio (2011) doppiando Miguel, il cacatua nel ruolo di antagonista, ruolo ripreso anche nel sequel Rio 2 – Missione Amazzonia (2014).

Nel 2012, con i Pooh, canta nella versione sinfonica del loro brano Ci penserò domani ed esce il suo singolo Shine On che anticipa l’uscita dell’album Sun, che verrà pubblicato il 29 gennaio 2013. L’album Sun entra direttamente in prima posizione FIMI alla prima settimana di rilevazione.[8] Nello stesso anno viene scelto da Noemi, che quest’anno è stata la stella di Imola in musica, come consulente musicale della sua squadra all’interno della prima edizione di The Voice of Italy.

(Massimo Mongardi)