Imola. Nonostante il caldo infernale, la festa dell’Unità nel parco dell’Osservanza finora ha avuto un buon afflusso di pubblico oltre che di volontari. Il segretario Marco Panieri è soddisfatto: “La festa gravita attorno al viale delle palme, che è la via principale e snodo nevralgico del parco dell’Osservanza, molti ci esprimono gratitudine nel aver proposto anche l’apertura di alcuni padiglioni e nel aver centrato gran parte del dibattito politico sulle prossime elezioni regionali, perché saranno un passaggio molto delicato e rilevante. La scelta di riportare la libreria, si è rilevata giusta,  il tema della cultura e dell’informazione, in una fase storica dove prevalgono slogan e superficialità, deve essere  sempre più prevalente. Il ‘gruppo festa’ ha poi fatto un grande lavoro per recuperare la pesca a premi, una grande attrattiva del passato che torna e che piace”.

Ora è partita l’ultima settimana. Il 2 luglio alle 19.30 importante iniziativa sul tema del recupero dei rifiuti nel modello di economia circolare: “Cosa succede ai rifiuti che raccogliamo in maniera differenziata? Per la salvaguardia dell’ambiente  un sistema industriale che produce valore dai rifiuti, dagli impianti di selezione ai prodotti in plastica che tornano nelle nostre case” con Luca Sabattini consigliere regionale, Katia Gamberini Herambiente e Carlo Andriolo Aliplast. A seguire alle 21 la nuova Pac e le sfide dell’agricoltura del futuro con l’assessore regionale Simona Caselli.

Il 4 luglio ospite all’Osservanza alle 21 sarà Gianni Cuperlo sul tema “La sinistra europea da Berlinguer ad oggi”, poi sabato 6 luglio Maria Elena Boschi e il gran finale di domenica 7 luglio quando sarà sicuramente presente il presidente dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini e si spera nel sì del segretario nazionale Nicola Zingaretti. A chiudere lo spettacolo dei fuochi artificiali.