Riceviamo e pubblichiamo

Rifondazione Comunista, Partito Comunista Italiano e Demos19 rinfacciano al sottoscritto di non essersi accorto della presenza di 21 milioni di euro di avanzo nel bilancio del Comune di Imola e per questo di aver aumentato l’addizionale Irpef.

Come inutilmente più volte ho già tentato di spiegare anche ai loro ex colleghi di maggioranza del Pd, l’avanzo non puoi usarlo per realizzare il bilancio preventivo. L’avanzo lo puoi usare eventualmente solo in sede di verifica di equilibri di bilancio, che come recita l’art. 193 del Tuel (Testo Unico degli Enti Locali) deve avvenire entro il 31 luglio di ogni anno.

Questo significa che prima di una Rifondazione Comunista sarebbe opportuno perlomeno passare preliminarmente per una Rifondazione Contabile, e se il meglio che auspicano per Imola è avere al governo della propria città gente che ignora perfino i principi base che regolano l’attività di un Comune, bisogna prendere atto che questo meglio al momento non si trova né nel Pd, né in Rifondazione Comunista, né nel Partito Comunista Italiano né in Demos19.

(Claudio Frati assessore al Bilancio Comune di Imola)