La sindaca di Imola Manuela Sangiorgi

Imola. Replica seccata, immediata e stizzita della sindaca pentastellata Manuela Sangiorgi alle accuse dell’Accademia pianistica che, nei suoi vertici, l’aveva accusata di non aiutarla (al contrario della Regione che ha appena stanziato 200mila euro all’anno per tre anni), per il primo padiglione dell’Osservanza “da adibire ad aule studio, a camere per gli studenti e a quattro appartamenti per i docenti”.

La Sangiorgi si rivolge direttamente agli imolesi con un post su Facebook: “Ho sempre sostenuto che l’Accademia sia un fiore all’occhiello per Imola e ora resto esterrefatta davanti alle dure critiche contro di me che leggo sugli organi di informazione. Succede che il presidente dellEmilia Romagna Stefano Bonaccini (Pd) si trova in grande difficoltà (a pochi mesi dalle elezioni, ndr) e così elargisca 200mila euro che, penso, non a caso siano arrivati all’Accademia. Nonostante in questi giorni ci siamo visti in Comune e io sia andata alla Rocca per cercare nuovi spazi per l’Accademia dopo che ha raggiunto l’equipollenza a un titolo universitario, il carissimo maestro Scala fa un’uscita durissima contro di me”.

“La realtà è che c’è una convenzione con il Pd, fatta ai tempi in cui Stefano Manara era presidente del Con.Ami, che è da riscrivere anche perché nel frattempo l’Osservanza è andata al 100% al Con.Ami, nella quale si dice che all’Accademia devono andare 4 milioni di euro per 24 stanze – sottolinea la Sangiorgi -. Io ho detto che avrei fatto degli approfondimenti sulla questione, ma se questa è la risposta dell’Accademia difficilmente ci sarà la collaborazione del Comune. Sappiamo tutti che ci sono circa 400 anziani in lista d’attesa per le Rsa pubbliche del nostro territorio e noi dobbiamo prenderci cura di un problema così grande, magari destinando un padiglione dell’Osservanza per una nuova casa di riposo. Invece qui si fa campagna elettorale, visto il venir meno del rispetto e della correttezza istituzionale, probabilmente verrà meno anche l’appoggio del Comune di Imola”. Si vedrà se si tratta di un temporale estivo o meno.

Intanto, la sindaca rincara la dose: “Ricordiamo, inoltre, che l’Accademia gode di un comodato gratuito per la sede dentro la Rocca Sforzesca e di agevolazioni nei locali della scuola Vassura Baroncini e presso il teatro dell’Osservanza per lo svolgimento dell’Imola Summer Piano Academy & Festival”.

In serata arriva una nota della Fondazione Accademia di Imola: “Ci è molto dispiaciuta la decisione annunciata dall’Amministrazione comunale di ridurre il contributo annuale da 53mila euro a 30mila  proprio in un anno di oneri crescenti. Tra l’altro l’Accademia è ancora in attesa di ricevere ufficialmente la Convenzione per l’anno 2019. Di contro, abbiamo apprezzato la decisione della Regione Emilia Romagna di voler deliberare un contributo straordinario di 200mila euro per tre anni, e ancor più abbiamo apprezzato la celerità con cui la Regione ha risposto ad una esigenza immediata in virtù del ‘decreto equipollenza’ ricevuto in recente data 1 marzo 2019. Quanto alla sede, va ricordato che la Rocca è utilizzata dall’Accademia da trent’anni, in funzione di un accordo pluriennale regolarmente stipulato e rinnovato. Per la realizzazione logistica del Summer Festival, da anni l’Accademia si appoggia, in virtù della Convenzione, agli spazi della scuola Comunale Vassura Baroncini e del Teatro dell’Osservanza, facendosi carico di tutti i costi di gestione per le maestranze e delle spese di custodia, pulizia e sicurezza. L’Accademia conferma la volontà di continuare a mantenere il suo forte radicamento con la città di Imola e si augura di essere considerata un vanto della città stessa da parte dell’Amministrazione Comunale”. Le ultime parole fanno pensare a una possibile ricucitura, pure la sindaca in consiglio comunale è stata meno pesante rispetto al post su Facebook, si vedrà a breve se quello fra l’Accademia e l’Amministrazione è stato un temporale estivo o meno.

(m.m.)