Imola. Un documento firmato da tutte le minoranze in consiglio comunale, Patto per Imola, Imola guarda avanti, Pd e Lega in un ordine del giorno per protestare contro una serie di procedure che impediscono di svolgere al meglio il loro lavoro. Le opposizioni rilevano “un ritardo nella convocazione delle commissioni consiliari e della consegna dei documenti da discutere, alcuni di fondamentale importanza. Di conseguenza si rileva come tale modo di procedere non sia ulteriormente tollerabile nè giustificabile in quanto pregiudica il diritto dei consiglieri a svolgere il proprio ruolo di controllori della giunta”.

Quindi, tutti i quattro gruppi di minoranza “manifestano pubblicamente il disappunto per le difficoltà che codesta Amministrazione frappone a un corretto ed esaustivo approfondimento dei consiglieri sui temi oggetto delle delibere sottoposte all’approvazione del consiglio comunale nonché per la sistematica violazione dei termini regolamentari per la convocazione delle competenti commissioni consiliari permanenti e per l’invio degli atti e dei documenti prodromici a tale attività istruttoria”.