Un messaggio di inclusione per combattere l’intolleranza arriva anche da Imola. Merito di Eliana, una giovane donna di Imola unica italiana protagonista di “The World Piece”, la campagna momondo – la piattaforma digitale per la ricerca di voli e hotel – che punta all’inclusione e vuole dimostrare fino a che punto le persone sono disposte a spingersi per combattere l’intolleranza.

Eliana

Il progetto, primo nel suo genere, è stato lanciato a giugno e ha coinvolto 61 partecipanti provenienti da tutto il mondo, con l’obiettivo di creare sulla loro pelle un unico tatuaggio, formato da una linea continua sulle loro schiene che li collega tra loro. L’iniziativa, con il disegno come tramite, vuole rendere concreta la visione di momondo di un mondo che può cambiare solo se si ha il coraggio di creare legami e abbattere ogni barriera, andando oltre ogni differenza.

La lunga selezione ha visto migliaia di candidature da diverse realtà e Paesi nel mondo ed Eliana, è stata scelta per rappresentare l’Italia in questo progetto: ha voluto offrire la sua pelle come tela, per raccontare la propria storia e farsi portavoce di una missione importante, quella di unire il mondo e azzerare ogni forma di intolleranza e discriminazione. “Ho scelto di farlo pensando al futuro, alle nuove generazioni, per trasmettere loro un messaggio positivo, di speranza. Perché se vogliamo cambiare il mondo dobbiamo essere partecipi del cambiamento, fare la nostra parte,” ha spiegato la donna imolese. “È stata un’esperienza unica, carica di emozioni e che mi ha dato davvero la possibilità di creare un legame forte con tutte le persone che stavano vivendo con me quel momento. Guardo il mio tatuaggio e sento che siamo tutti uniti, parte dello stesso percorso, un legame indelebile, per sempre.”

Il tatuaggio di Eliana

Ciascuno dei 61 partecipanti all’iniziativa ha ricevuto un tatuaggio unico disegnato dal tatuatore di fama mondiale Mo Ganji e tutti si sono poi riuniti per condividere le proprie esperienze di vita, ritrovandosi fianco a fianco per creare The World Piece: un’opera d’arte incredibile, mai realizzata prima.

La campagna è stata supportata anche da uno studio globale di momondo – The value of travelling- da cui emerge la percezione che le persone hanno del mondo in cui vivono: sempre più diviso. Infatti, il 49% degli intervistati ritiene che oggi le persone siano meno tolleranti nei confronti di altre culture rispetto a cinque anni fa. Tuttavia, la grande maggioranza della popolazione mondiale crede che esistano molti più elementi che uniscono le persone di quanti le dividano e che ognuno possa contribuire, nel suo piccolo, a rendere il mondo più unito. Lo studio, inoltre, evidenzia la stretta correlazione tra l’abitudine a viaggiare e lo sviluppo di una maggior apertura verso culture e popoli diversi.

“L’obiettivo di momondo è quello di incoraggiare le persone ad essere curiose e aprirsi al mondo che le circonda, usando il viaggio come strumento di conoscenza. Da anni siamo impegnati in iniziative e progetti a sostegno delle diversità, perché crediamo fermamente che le nostre differenze possano essere un punto di forza, per creare solidarietà e ispirare il mondo”, spiega Cristina Oliosi, spokesperson per momondo.it.

The World Piece è solo una delle tante iniziative che dimostrano l’impegno di momondo nel rendere il mondo un luogo più aperto e tollerante. Tra le altre spiccano: Open World Projects, The Passport Initiative, il sostegno a favore di Cisv International e The Dna Journey.