Era il marzo scorso quando Luisa Cottifogli organizzò un concerto radunando vari musicisti in riva al fiume Santerno a Castel del Rio per protesta contro il taglio massivo degli alberi. Una protesta supportata da una documentazione circostanziata, accompagnata da diversi interrogativi sulle ragioni e le condizioni di un’operazione che lascia perlomeno perplessi. All’apparenza, uno scempio, che ha incontrato la tiepida reazione dei Comuni del territorio. Se ne è parlato in un paio di occasioni anche su questo sito.

Lo scrittore dendrologo Tiziano Fratus

La vicenda, che include anche un esposto alle autorità competenti è all’origine della petizione lanciata su change.org dalla stessa Cottifogli (che è anche guardia forestale volontaria) nello stesso periodo. La questione è aperta. A tal punto che Sabato 24 agosto alle 21 sulle rive del Santerno, lungofiume Sasdello a Borgo Tossignano, Luisa richiama l’attenzione sul tema. Lo fa con la sua arte, con la musica, la poesia e il canto a fianco di Tiziano Fratus, scrittore, filosofo, dendrosofo e il bravo chitarrista Gabriele Bombardini con cui ha stretto da tempo un robusto sodalizio. Nel corso della serata Fratus e Cottifogli intrecceranno liberamente racconti verdi e suggestioni vocali accompagnate dalle ambientazioni sonore di Bombardini.

L’occasione è offerta dalla festa di San Bartolomeo patrono di Borgo Tossignano, Comune interessato dal progetto di taglio degli alberi. “Sii come un albero”, questo il titolo della serata che sarà condotta da Renato Sartiani già assessore alla cultura e consigliere comunale del Comune in riva al Santerno da sempre sensibile all’arte come forma di espressione alta e di sensibilizzazione.

Un incontro dunque fra l’arte della parola e quella del suono, per gli alberi e in mezzo a loro, metafore viventi di ciò che anche l’essere umano dovrebbe essere.

Luisa Cottifogli così motiva l’appuntamento: “Perché l’arte e la conoscenza ci permettano di amare e proteggere la terra sulla quale stiamo camminando, consegnandola alle generazioni future ancora più bella di come l’abbiamo trovata. Preservare il nostro ambiente è possibile, solo se lo vogliamo fortemente tutti insieme, solo se ci accorgiamo quanto le nostre radici siano strettamente intrecciate a quelle delle creature verdi che ci danno ombra, aria, vita”.

Un atto d’amore che sarà anche l’occasione di presentare le 2.325 firme a sostegno della petizione “Fermiamo il taglio selvaggio degli alberi sul fiume Santerno”.

In caso di maltempo, l’iniziativa si svolgerà nella Sala Consigliare del Comune di Borgo Tossignano.

TIZIANO FRATUS (https://studiohomoradix.com) lo scrittore-filosofo, il “dendrosofo”, l’uomo-radice che ha scritto innumerevoli libri sugli alberi per le più importanti case editrici italiane, che alterna prosa a poesia e meditazione nella natura, leggerà alcuni passi dalla sua ultima opera letteraria “Giona delle sequoie” (Bompiani).

LUISA COTTIFOGLI (https://www.luisacottifogli.com) ex vocalist dei Quintorigo, che critici e pubblico paragonano a Demetrio Stratos e a Yma Sumac.  Luisa ha messo la sua voce straordinaria al servizio della natura con il suo ultimo album “Come un albero d’inverno” (Visage Music) e con il recente impegno sulla salvaguardia degli alberi sul fiume Santerno e sul territorio circostante, dove abita da alcuni anni e presta servizio come guardia volontaria.

GABRIELE BOMBARDINI (http://www.gabrielebombardini.net), poeta della chitarra e dell’elettronica, con collaborazioni che vanno da Massimo Ranieri a Celentano e Gianni Togni, da anni co-produttore dei progetti di Luisa.

 

(v.g.)